Laura Pausini, lettere e immagini di una vita in musica

210
0

Profumi, immagini e ricordi. Ogni volta che torno a casa, mi tuffo nel mio passato (più o meno recente). E quando apro l’album dove raccoglievo biglietti e foto dei concerti di Laura, riaffiorano tutti i momenti vissuti attaccati alle transenne, davanti all’Hilton o dentro uno studio televisivo. Chilometri macinati solo per scattare una foto con lei, per salutarla, ma, soprattutto, per sentirla cantare. Oggi, il rumore della pioggia fuori, incessante e prepotente, mi ha spinta a restare in casa. E così ho aperto l’album dei ricordi: ci sono le foto scattate alla data zero di Cesena, negli studi di Top Of The Pops (quando Laura cantava a qualche centimetro da noi, e tranquilli ce ne stavo lì a parlare con lei) o al concerto di Napoli, mentre indossa la maglia azzurra dedicata a lei. C’è la lettera che mi ha scritto, tre pagine di emozioni. Ci sono i ricordi dei viaggi. Tra sorrisi, applausi e risate. Ci sono i cartonati recuperati nei negozi di dischi (non senza difficoltà, e soprattutto dopo un’intensa attività di stalkeraggio). Ci sono le lettere che ci scrivevamo con gli amici del fan club. C’è la  maglia dei “Porca vacca è durato un flash”. Ci sono cassetti pieni di emozioni. C’è un pezzo della mia vita.

CONDIVIDI
Maria Antonietta Izzinosa
D’inverno addetto stampa per professione, d’estate canoista per passione nelle acque del Cilento. In mare osservo tutto e tutti da una prospettiva privilegiata, e quando mi stanco di remare mi faccio trascinare dalle onde. Praticamente quello che mi succede tutti i giorni. Di sera accendo il pc e scrivo articoli da pubblicare qua e là.