Il talento di Federica Fornabaio incanta la Capitale

492
0

Un lungo, lunghissimo, applauso ha suggellato la splendida anteprima del nuovo spettacolo live del Maestro Federica Fornabaio. Nella suggestiva cornice dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, la giovanissima pianista, compositrice e direttrice d’orchestra, ha lasciato tutti a bocca aperta. Un’esibizione eccezionale, ardente ed emozionante, poliedrica e coinvolgente. La musicista dalle origini pugliesi non suona i suoi pezzi, li vive; l’esecuzione è caratterizzata da una passione e da un trasporto tali che le sue dita, il suo corpo, sembrano un tutt’uno con il pianoforte a coda che occupa il centro della scena.

Musica classica e vita moderna trovano un insolito connubio nelle melodie dell’ex allieva di Ludovico Einaudi. Coffee & Cigarettes è ispirata a quei sempre più rari momenti di riflessione che ogni essere umano dovrebbe concedere a se stesso. Una pausa per prendere fiato ed analizzare con lucidità passato, presente e futuro. Impresa non semplice nel trambusto quotidiano, pervaso da frenesia, ansia ed agitazione.

Fornabaio 2

Ora, domani, mai più si rifà invece a due individui, due persone in perfetta antitesti tra loro, che prendono forma grazie alla musica. La prima è conservatrice, abitudinaria e metodica. La seconda è progressista, rivoluzionaria ed estroversa. Due melodie che viaggiano su binari paralleli, che non sono destinate ad incontrarsi. Ma la musica è magia ed allora, sul finire del pezzo, l’armonia diventa una sola. Perché, mai come in questo momento storico, bisogna ricordarsi che la diversità è un’opportunità e mai un ostacolo.

All’interno del concerto trovano spazio fotografia e cinematografia, dialogo con il pubblico e duetti memorabili. Sul palco si alternano Giuseppe Tortora (violoncello), Roberto Izzo (violino), Angelo Olivieri (tromba) e Micol Picchioni (arpa); prima singolarmente, poi tutti insieme per il gran finale.

Il duetto Fornabaio-Picchioni è da brividi. Le due danno vita ad una melodia sublime, che penetra sottopelle fino a far vibrare l’anima.

La talentuosa pianista alterna pezzi del suo repertorio a colonne sonore che hanno fatto la storia del cinema. Un omaggio sentito ai vari Piovani, Mertens, Sakamoto, Rota, Nyman e Tiersen che l’hanno ispirata ed accompagnata nel suo percorso artistico.

La platea che, a fine concerto, si alza in piedi a tributare un sentito e prolungato applauso al Maestro di Andria è il miglior modo per la Fornabaio di iniziare questa nuova, entusiasmante avventura.

In bocca al lupo

Photo by Alessandro Bachiorri – Music Show International

CONDIVIDI
Benito Tangredi
Sannita di nascita, romano di adozione, spoletino per amore. Maturità classica, iscritto al terzo anno di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università degli Studi "Orientale" di Napoli. Giornalista pubblicista dal 2009. Una smodata passione per la lettura, lo sport, la musica, i viaggi e la politica ed una forte inclinazione all'associazionismo. Un'attrazione fatale per tutto ciò che è comunicazione.