L’abbiamo fatta grossa. O forse no…

Banda di onesti in questo mondo di ladri

84
0

L’abbiamo fatta grossa
di Carlo Verdone
con Carlo Verdone, Antonio Albanese, Anna Kasyan, Francesca Fiume, Clotilde Sabatino.
Voto 6

Verdone ex carabiniere, investigatore cialtrone e al verde, in coabitazione con zia visionaria, incappa in Albanese, attore cialtrone e marito e padre separato al verde, che cerca di recuperare foto compromettenti con cui la moglie gli strapperebbe i figli. Per un equivoco i due, invece delle foto, rubano un milione di euro di provenienza ambigua, di grande tentazione e di restituzione impossibile. L’impossibile restituzione è il film: travestimenti per infiltrarsi, gag più o meno riuscite, equivoci sessuali, una merda pestata,  uno schema per cui Albanese esaspera Verdone, Verdone perde la pazienza e s’incazza in romanesco e Albanese risponde con un altro accento attinto da qualche suo personaggio. Inseguimenti, un po’ di vaffa, una signora melomane e entusiasta che viene da est per la parte sentimentale di Verdone, i cattivi stereotipati che poi si rivelano non vi possiamo dire cosa, ma ugualmente stereotipati. Dire che questo film di equivoci e indagini ai bordi della comica (un po’ garbato e un po’ slavato, come se invece di raddoppiare le forze i due mattatori insieme se le tagliassero) abbia in cauda venenum, per via della “rivelazione” finale,  è ottimistico. Il film fa rivelazioni tristi come un tg ma per arrivarci non fa ridere troppo. Verdone resta un autore di livello per la risata e non solo. Ma non qui. Diciamo che ha cercato una strada diversa e non è la più soddisfacente. Farà di meglio.

YouTube / FILMAURO – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori