Sanremo 2016: i tweet più pungenti della quarta serata

318
0
Foto di Francesco Galarà

E siamo giunti alla semifinale, con la quarta serata del Festival si dà il via ai verdetti e si conoscono i nomi dei 15 finalisti certi tra i big, ma soprattutto si scopre chi è il vincitore nella sezione giovani.

La scorsa puntata, per quanto riguarda le nuove proposte, era stata caratterizzata da un disguido tecnico che aveva portato a un capovolgimento del verdetto conducendo Miele in finale ed escludendo Francesco Gabbani che, a conti fatti, aveva in realtà ottenuto più voti. A termine della puntata però il malinteso ero stato chiarito e tutto riportato all’ordine. Oggi perciò Gene Gnocchi ironizza sull’accaduto e, dopo pochi minuti dal fischio d’inizio, scrive “Il Papa ha spiegato il viaggio in Messico: non mi è andata giù l’eliminazione di Miele”. Sui giovani hanno qualcosa da dire anche i PanPers, il duo comico che spopola su YouTube, che scambiano Chiara Dello Iacovo per una delle Donatellas e protestano… se sul palco ce n’è solo una, allora si sono divise!

Arriva il verdetto, a trionfare è proprio Francesco Gabbani con la sua Amen! Claudio Cecchetto si dice contento, lui –per chi passa dalle stalle della erronea eliminazone, alle stelle della vittoria- ha un debole. Iddio, il conosciutissimo e seguitissimo profilo ironico e un po’ blasfemo che fa le veci di nostro Signore su twitter, è orgoglioso… il titolo della canzone fa ben sperare! Poi twitta “A questo punto domani deve vincere @NaliOfficial (Annalisa – ndr) con #IlDiluvioUniversale, così faccio la doppietta”.

Sui big questa sera Twitter ha tanto da dire; si scoprono per bene le canzoni, si inizia a memorizzarle e canticchiarle… e inevitabilmente ad avere delle preferenze. Ci sono discordanze tra i testi però, e ce lo ricorda la pagina satirica Prugna “Mahmood: Dimentica, Ruggeri: Io non dimentico. Allora, dove pensate di essere? Al PD?”.

Cattivissimo è il comico Gianluca Neri che si chiede “Ma Irene Fornaciari tutto il resto dell’anno che fa? Ha una merceria, fa la commercialista, l’imbianchina, cosa?”. In effetti la figlia di Zucchero Sugar Fornaciari non è solita calcare le scene (tranne quelle dell’Ariston dove è un abituè) e tra i cinguettatori serali qualcuno lo insinua: che sia su quel palco solo per i meriti legati al suo cognome?

La rete non risparmia nemmeno Rocco Hunt; se Caterina Balivo twitta fiera di aver televotato per lui, c’è chi ricorda al giovane salernitano che in Italia di Rocco ce n’è uno solo e chi ammette che nella vita amerà un solo ed unico Hunt: Owen, il chirurgo d’urgenza dai capelli rossi del Grey Sloan Memorial Hospital, protagonista di Grey’s Anatomy.

Per gli Zero Assoluto non c’è pace: non solo la loro canzone, Di me e di te, risulta essere una delle meno votate della puntata (sono infatti tra i 5 big a rischio eliminazione), ma Stefania Petyx –celebre inviata, assieme al suo bassotto, di Striscia la Notizia- prima si domanda perché i due si vestano come gli ospiti del boss delle cerimonie, poi addirittura –ironizzando sulle loro voci basse (troppo basse!)- twitta “Paola e Chiara sono irriconoscibili! #ZeroAssoluto”.

Tutti entusiasti, invece, per il look finto botulinato di Elio e le storie tese. Arsenale K ci spiega che gli Elii cantano truccati da Gabriel Garko per non farlo sentire l’unico ad aver sbagliato chirurgo estetico.

All’occhio attento degli Youtubers hmatt non sfugge un gesto poco casuale del frontman dei Bluvertigo durante l’esecuzione della loro Semplicemente “La X su “che televisione banale” è una chicca. Le frecciatine velate di Morgan.” Eh si, pare proprio che a Morgan non sia rimasto un buon ricordo di XFactor!

Ma a stroncare definitivamente, con un unico Tweet, tutti i cantanti in gara è il dj Claudio Coccoluto che scrive “Sempre più convinto che le selezioni per #Sanremo2016 le faccia l’impiegato comunale in mutande”.

La serata prosegue lenta, bisogna dirlo, quasi interminabile, forse anche per l’eccessivo numero di ospiti. E se per Elisa scorrono innumerevoli tweet di ammirazione (tranne per la sua mise poco elegante che –a detta di qualcuno- è più adatta ad un aperitivo sulle spiagge del Salento che al palco dell’Ariston), non riscuote molto successo il super ospite internazionale J Balvin. C’è chi lo scambia per Moreno e chi lo vede somigliante a Clementino o addirittura ad Arisa…in molti si chiedono perfino chi sia e Giovanni Vernia si domanda “Questo dei balli di gruppo aveva freddo che è salito col montgomery rosso?”

Anche Enrico Brignano e il suo monologo riciclato vengono bocciati, Luciano Cannito, evidentemente annoiato dalla performance, suggerisce al comico romano di rispettare le sue tournèe teatrali e non interromperle per partecipare a Sanremo. A Brignano il pubblico continua a preferire Virginia Raffaele che, per la semifinale, decide di sfoderare un cavallo di battaglia e salire sul palco nei panni di Belen Rodriguez (ma con un vestito identico a quello di Emma Marrone) conquistando definitivamente, semmai ancora ce ne fosse bisogno, la rete. Pensate che bello deve essere -twitta qualcuno- essere il fidanzato della Raffaele, ogni sera si può scegliere se andare a letto con Belen o la Ferilli…o chissà!

Ma il premio per il tweet migliore va ai The Jackal che durante tutte le serate Sanremesi hanno sfidato con dei video (e sono sempre stati soddisfatti!)  qualcuno dei big a pronunciare una frase completamente fuori contesto a performance canora conclusa. “Domani c’è la finale, quindi è tempo di pronostici –scrivono utilizzando l’hashtag #Sanremo2016- secondo voi vince la Juve o il Napoli?”. Loro, ad occhio, una piccola preferenza ce l’hanno!

CONDIVIDI
Maria Francesca Amodeo
Classe 1991, calabrese, testarda e abitudinaria. Diplomata al Classico, oggi sono una studentessa di Giurisprudenza presso l'Università di Salerno che spera, un giorno, di far diventare l'amore per la penna il suo mestiere. Amo il mare - soprattutto quello di casa mia - e vivo spesso con la valigia tra le mani perché mi piace viaggiare e scoprire posti nuovi. Le grandi passioni della mia vita però sono soprattutto tre: la politica, la scrittura e Luciano Ligabue. Ho così tanti sogni nel cassetto che non so più dove mettere i vestiti!