Il MAXXI omaggia Ennio Morricone

81
0

Erano da poco passate le 5,20 (ora italiana) di lunedì 29 febbraio, quando Hollywood ha finalmente reso omaggio al Maestro Ennio Morricone consegnandogli il tanto atteso Oscar come autore della migliore colonna sonora, ottenuto quest’anno per il film The Hateful Eight di Quentin Tarantino.

Il primo premio Oscar per il compositore italiano, se non contiamo quello alla carriera datato 2007, che aveva collezionato ben 5 nomination andate a vuoto prima di conquistare l’ambita statuetta. Alla pronuncia del suo nome, tutti i presenti al Dolby Theatre si sono alzati i piedi e lo hanno accompagnato sul palco con un fragoroso applauso.

Da sempre orgoglio italiano, il Maestro ha già ricevuto -da parte delle più grandi personalità della politica e della cultura del Belpaese- congratulazioni e complimenti, naturalmente dovuti ad un nome importante come il suo che ha fatto conoscere al mondo il talento tricolore.

Nei prossimi giorni anche il MAXXI (Museo nazionale delle arti del XXI secolo) di Roma renderà omaggio, a suo modo, al Maestro. Sabato 5 (dalle 11 alle 19) e domenica 6 marzo (dalle 11 alle 14) sarà infatti proiettato in loop all’interno dell’Auditorium del MAXXI, il docufilm The Quake di Matteo Barzini con le musiche di Ennio Morricone.

Il cortometraggio, prodotto  nel 2015 da Feel Film con il supporto del MiBACT, Rai Teche e Unesco, racconta -in una sequenza lunga 10 minuti di immagini raccolte da cittadini, archeologi e filmmaker siriani- le devastanti e scioccanti sembianze della guerra in Siria, attraverso un parallelismo che mostra la distruzione del patrimonio culturale e artistico siriano e contemporaneamente la distruzione di migliaia di vite umane. Il tutto è accompagnato da una potente e struggente colonna sonora in pieno stile Morricone.

L’ingresso per assistere alla proiezione del docufilm è libero fino ad esaurimento posti.

CONDIVIDI
Maria Francesca Amodeo
Classe 1991, calabrese, testarda e abitudinaria. Diplomata al Classico, oggi sono una studentessa di Giurisprudenza presso l'Università di Salerno che spera, un giorno, di far diventare l'amore per la penna il suo mestiere. Amo il mare - soprattutto quello di casa mia - e vivo spesso con la valigia tra le mani perché mi piace viaggiare e scoprire posti nuovi. Le grandi passioni della mia vita però sono soprattutto tre: la politica, la scrittura e Luciano Ligabue. Ho così tanti sogni nel cassetto che non so più dove mettere i vestiti!