Mostra dedicata a David Bowie al Mambo di Bologna

179
0

David Bowie is. Questo il titolo della mostra, partita nel 2013 da Londra, che arriva (finalmente) in Italia proprio nell’anno in cui l’artista ci ha lasciato dopo aver lottato per 18 mesi contro il cancro. Il dolore per questa perdita non sembra davvero svanire col passare dei mesi, ma appare sempre più forte. 

Questa mostra che sta facendo il giro del mondo (dopo l’apertura al Victoria and Albert Museum londinese, ha fatto tappa in Canada, Brasile, Francia, Australia e Olanda), arriverà in Italia. La città prescelta è Bologna, da sempre uno dei fulcri per la cultura italiana, dove nel corso dei decenni è nata tanta buona musica.

La mostra si svolgerà il prossimo autunno e sarà un vero e proprio evento, anche se molto oneroso sotto l’aspetto economico (infatti si parla di una cifra attorno ai 350 mila euro solo per l’allestimento). All’inizio era stata presa in considerazione anche l’ipotesi di Milano come città che potesse ospitare l’evento, ma già all’inaugurazione dell’Arte Fiera, il Presidente di Bologna Musei, Lorenzo Sassoli de Bianchi, aveva dichiarato che le trattative affinchè la mostra potesse arrivare nel capoluogo emiliano erano in stato avanzato, ed è stato ritenuto idoneo proprio il Mambo, soprattutto per le sue “caratteristiche architettoniche”.

mambo-bologna 2Trattasi di un’esposizione esaustiva della carriera di questo artista che ha dimostrato la sua unicità in tutti i campi della comunicazione, dalla musica al cinema passando per la letteratura e ogni tipo di arte visiva. I visitatori potranno vedere manoscritti, spartiti, costumi originali, foto rare, set ricostruiti e filmati, praticamente tutto ciò con cui è possibile documentare la straordinaria carriera del Duca Bianco, che resta unico e insostituibile per chiunque ami l’arte. Questa mostra è sicuramente un’occasione unica per catapultarci, quasi letteralmente, su un altro pianeta. Il suo.

CONDIVIDI
Claudia Assanti
Nata in Calabria, classe '86. Un diploma di Liceo Scientifico che però mi ha portato ad una laurea in Lingue e Letterature straniere. La musica e la letteratura sono sempre state la colonna portante della mia vita in ogni loro sfumatura. Sognatrice ostinata ma realista al punto giusto.