Ron, 24 duetti per sostenere Aisla

Esce domani La Forza di Dire Sì, il nuovo progetto discografico di Ron accompagnato da 24 grandi artisti della musica italiana.

173
0
Ron_La_Forza_Di_Dire_Si

Ventisette brani per combattere la Sclerosi Laterale Amiotrofica. La forza di dire sì è il nuovo progetto discografico di Ron, disponibile da domani in tutti i negozi. Ventiquattro duetti con i grandi della musica italiana, due brani inediti e un brano corale, Una città per cantare, cantata a venticinque voci. Ogni artista ha aderito con entusiasmo al progetto, dedicandosi completamente: «Ho chiamato personalmente uno ad uno e tutti hanno risposto “sì” da subito, rifiutando altri impegni professionali. Come Giuliano Sangiorgi che ha voluto esserci a tutti i costi ed è arrivato all’ultimo. Ho lavorato quattro mesi al progetto, giorno e notte, per riuscire a chiuderlo in tempo. Indipendentemente dalla causa, come artista mi ritengo felice di quello che ho fatto».

Una sfilata dei grandi della musica italiana, da Jovanotti a Loredana Bertè, passando per De Gregori e Malika Ayane, per un disco che ripropone ventiquattro successi tratti dalla discografia di Ron. Due sono invece gli inediti, Aquilone e Ascoltami, realizzati in collaborazione con Mattia del Forno, componente della band La Scelta.
«I malati di Sla sono sopra di noi come aquiloni, volano e aspettano. Hanno una fiducia enorme che non va tradita. Non ho mai sentito nessun malato dirmi “Guarda come sono ridotto”, sono dei giganti». La causa nobile del progetto nasce dieci anni fa quando Rosalino, questo il nome all’anagrafe, apprende della malattia di cui è affetto l’amico oncologo, Mario Melazzini.RON COVER Nasce l’idea di fare un disco e di donare tutto il ricavato alla ricerca contro la Sla. Chiama a raccolta alcuni amici e colleghi, tra cui Renato Zero, Claudio Baglioni, Elisa e Lucio Dalla, ed esce Ma quando dici amore.

Oggi, a dieci anni di distanza, Ron ha voluto ampliare il progetto, chiamando a sé molti più cantanti. «Ho voluto fare un disco a lungo raggio. I giovani cantanti hanno milioni di follower sui social network e fan che non si perdono nemmeno un loro respiro. Spero in questo», risponde a chi gli ricorda lo stato di crisi del mercato discografico. «Quale disco è mai uscito con ventiquattro cantanti che cantano canzoni non loro? Bisogna far capire alla gente che comprandolo dà inizio alla raccolta fondi. Ognuno di noi ha rifiutato la percentuale che gli spetta, ricavata dalle vendite. Questa sarà totalmente devoluta».

Rivovono nelle le tracce del disco anche Pino Daniele e Lucio Dalla. Non abbiam bisogno di parole è stata realizzata con Pino nel 2002, in occasione di un loro tour insieme, al quale parteciparono anche Francesco De Gregori e Fiorella Mannoia. Chissà se lo sai  viene qui riproposta in una insolita versione, dove Lucio sul finale suona il clarinetto.

Un disco da acquistare per sostenere AISLA, l’associazione italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica. Nel 2008 l’associazione fonda AriSla, fondazione italiana che si dedica esclusivamente alla ricerca sulla Sla. Per questa malattia non vi è ancora una cura e la causa della sua insorgenza è tutt’oggi ignota. Per questo la ricerca ha costante bisogno di fondi.

YouTube / RonFC – via Iframely

CD 1
Al centro della musica con Marco Mengoni
Io ti cercherò con Lorenzo Fragola
Un momento anche per te con Francesco Renga
Aquilone (brano inedito) con La Scelta
Anima con Malika Ayane
Il sole e la luna con Kekko Silvestre
Il gigante e la bambina con Lorenzo Jovanotti
L’amore guarisce il dolore con Giusy Ferreri
Non abbiam bisogno di parole con Pino Daniele
Prigioniera a distanza con Emma Marrone
Attenti al lupo con Elio e le Storie Tese
Malala con Loredana Bertè
Nuvole con Biagio Antonacci

CD 2
Una città per cantare con tutti gli artisti partecipanti e Neri Marcorè
Stella Mia con Max Pezzali
Ascoltami (inedito)
I Ragazzi Italiani con Francesco De Gregori
Cuore di vetro con Luca Barbarossa
Piazza Grande con Arisa
Caro amico fragile con Nek
Aquila con Giuliano Sangiorgi
Il mare nel tramonto con Gigi D’Alessio
Joe Temerario con Mario Biondi
Libertà con Syria
Per questa notte che cade giù con Bianca Atzei
Il mondo avrà una grande anima con Niccolò Fabi
Chissà se lo sai con Lucio Dalla

CONDIVIDI
Matilde Ferrero
Vent'anni e un corso di studi a Milano. Soffro di Londonite da quando ho passato tre mesi nella capitale britannica e poi ho dovuto lasciarla. Una volta ho incontrato Paul McCartney, ma non l’ho riconosciuto.