The Voice: il racconto della quarta serata

38
0

Ed eccoci al quarto appuntamento con le temute “blind audition” di The voice. I giovani talenti, anche questa settimana, hanno cercato di stupire i coach con le loro voci e le loro scelte musicali portate sul palco. Si parte da un giovanissimo Joe Croci, 16 anni, che canta The boxer di Samuel e Garfunkel, finendo nel team Dolcenera. Caso speciale per Viviana Colombo, che calca per la seconda volta il palco di The voice: ha 27 anni e spera che questa volta i coach si girino tutti, soprattutto Raffaella Carrà. Porta sul palco una bellissima versione di Thinking out loud di Ed Sheeran e I’m not the only one di Sam Smith. Riesce ad ottenere i complimenti e l’apprezzamento dei 4 coach, ed alla fine sceglie il più titubante dei 4, Max Pezzali, poiché avrebbe dato più peso alla sua esibizione. La serata scorre tranquilla, fra un triste no ai talenti che non sono riusciti a conquistare i coach (soprattutto sui pezzi in italiano, come Clara Danelon con Senza parole di Vasco, Andrea Balestrieri con Il bacio sulla bocca di Ivano Fossati, Stefania Mancuso con Io e te da soli di Mina e Francesco Pugliese con Ti scatterò una foto di Tiziano Ferro) e sorprese gradite come Veronica Moscara, 33 anni, pugliese, che canta un pezzo rappato dei Fugees, Ready or not e riesce a far girare Emis Killa, solitamente refrattario ai talenti del rap sul palco di The voice.

Alla fine della serata, la situazione dei team è la seguente:

#TeamCarrà: Alessia Langella, Francesca Profico, Elisa Maffenini, Bruna Zaccaro

#TeamDolcenera: Joe Croci, Agata Aquilina, Giulia Franceschini, Frank Polucci

#TeamPezzali:Ivan Giancarlo Gannini, Viviana Colombo, Mirko Adinolfi

#TeamKilla: Frances Alina Ascione, Giuseppe Giordano, Roberta Nasti

CONDIVIDI
Claudia Assanti
Nata in Calabria, classe '86. Un diploma di Liceo Scientifico che però mi ha portato ad una laurea in Lingue e Letterature straniere. La musica e la letteratura sono sempre state la colonna portante della mia vita in ogni loro sfumatura. Sognatrice ostinata ma realista al punto giusto.