Kung fu Panda 3. Two padri is megl che one?

Il guerriero dragone scopre d'avere due padri. Non confondete il gender con il sequel

26
0

Kung Fu Panda 3
di Jennifer Yuh Nelson, Alessandro Carloni
Voto 6/7

È scappato un altro cattivo (dal regno degli spiriti), sa rubare il Chi (la forza vitale) dei suoi avversari e minaccia il mondo del panda Guerriero Dragone Po e dei suoi amici. Il problema è: ce la farà Po che è grasso e gioviale contro questo fuoriclasse del kung fu? A complicare la storia arriva il padre genetico di Po, un panda anche più grasso di lui, che ovviamente si trascina una tribù di panda grassi e golosi. Trauma per Po che scopre d’avere un padre carnale panda oltre al padre adottivo papero? Questo dilemma, che in realtà arricchisce il nostro Po che scopre che si possono avere due padri e il doppio dell’amore, ha turbato qualcuno che ha visto nel film una subdola propaganda per portare i bambini ad accettare la teoria gender (accettare come buona una famiglia non tradizionale sarebbe aprire le porte all’“omosessualismo”). Che tale “confusione ” venga rilevata da alcuni cattolici (laddove mi sembra di ricordare che Gesù aveva un padre celeste, ma anche un padre umano e, per aumentare la confusione, una mamma vergine…) sembrerebbe una gran trovata dell’ufficio stampa. Il film, torniamo al panda, è l’apoteosi del Guerriero Dragone attraverso una più semplice verità: più conosci te stesso meglio fai le cose. Almeno, nei film di animazione.

YouTube / Fox Cinema Family – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori