Operato d’urgenza il batterista degli Stadio

948
0

Giovanni Pezzoli, 63 anni, batterista degli Stadio, nel corso della nottata tra giovedì e venerdì è rimasto vittima di un grave malore. Ricoverato, è stato operato d’urgenza. Ma al momento le sue condizioni sembrano non essere preoccupanti.

A darne notizia è stata la band bolognese, che poche ore fa sulla sua pagina Facebook ufficiale ha pubblicato questo post: “Il nostro Giovanni questa notte è stato colpito da un grave malore: per fortuna, ora sta Bene!! È nostra premura mandare a lui un enorme abbraccio e ringraziare tutti voi per l’enorme affetto che sta arrivando in queste ore!”.

Per ora non sono state diffuse altre notizie. Il gruppo che ha vinto l’ultimo Festival di Sanremo attualmente è in tournée. L’ultima data è stata il 20 marzo a Firenze, la prossima sarebbe dovuta essere il primo aprile a Catania. Ma sia questo concerto, sia quello originariamente previsto il giorno successivo a Palermo sono stati rinviati a data da destinarsi. In un secondo post pubblicato sempre sul loro profilo ufficiale hanno scritto: “Pezzoli ora si è ripreso e sta bene, ma dovrà rimanere in convalescenza”.

In un post firmato dal solo Gaetano Curreri di legge: “Caro Giovanni, ci hai fatto un bello scherzetto. Ma in fondo sappiamo che sei la nostra vecchia roccia e che presto tornerai in una forma da fare invidia a tutti quanti. Adesso tiriamo un po’ il freno, così potrai pensare a riprenderti”.

stadio

Nel sito web ufficiale degli Stadio ci sono i profili di tutti i componenti. Quello di Giovanni inizia con questa dichiarazione: “Il momento tournée nella vita di un gruppo, specie per gli Stadio, è il momento che preferisco… io vado, chiudo gli occhi e suono, suonavo così quando avevo 20 anni, suono così ora e spero di farlo anche fra 50 perché questa è la mia vita”. Clicca qui per leggere il ritratto che Pezzoli fa di se stesso.

CONDIVIDI
Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).