Dal bar al cinema, a Milano arriva il biglietto sospeso

170
0

Quella del caffè sospeso è divenuta negli ultimi anni una pratica abituale e piacevolmente diffusa; essa ha origini antichissime, sebbene diversi sono i racconti che ne descrivono i natali.

Alcuni sostengono che era d’uso un tempo che -in una giornata particolarmente felice in cui c’era qualcosa di importante da festeggiare- chi entrasse nei bar della cittá di Napoli, dove il caffè è un’arte, un culto e un vanto, pagasse la propria consumazione e ne lasciasse un’altra pagata e “sospesa” per il cliente successivo. In questo modo, un cliente meno abbiente che fosse passato per quel bar e ne avesse fatto richiesta, poteva usufruire del caffè rimasto sospeso e festeggiare idealmente con lo sconosciuto che lo aveva preceduto.

Altri raccontano invece che l’usanza sia nata per via delle dispute da bar tra amici, dove accadeva talvolta che –nel trambusto e per l’incertezza di chi aveva consumato e chi riteneva di dover pagare per gli altri- si finisse per pagare un caffè che non era stato consumato ed in quel caso, per un gesto di solidarietà -anziché farsi ridare indietro i soldi non spesi-, si preferiva lasciare un caffè pagato ed offrirlo perciò ad un ignaro e casuale consumatore successivo.

Non si conoscono bene le origini della tradizione del caffè sospeso, resta il fatto che tutt’oggi a Napoli e –pian, piano- nell’intero Belpaese, la pratica abbia trovato fortuna e sia stata accolta con simpatia, tanto da oltrepassare i confini italici e raggiungere New Castle ma anche la Bulgaria, l’Irlanda, la Spagna, la Francia, il Belgio, la Grecia, la Finlandia, il Canada e persino l’Argentina dove –con la “variante” dell’Empanada pendiente- la pratica ha iniziato a far parte delle tradizioni alimentari del Paese.

Nel 2010 due piccole librerie di Polla e Palermo hanno copiato l’idea dalla tradizione partenopea e l’hanno trasferita sui libri: la prassi del libro sospeso prevedeva che, chiunque entrasse in una di queste libreria potesse acquistare un libro per sé e decidere, qualora ne avesse avuto voglia, di  “regalare” ad un cliente successivo un testo a propria scelta. Al gesto solidale si legava perciò in questo caso un progetto culturale di scambio e condivisione; un passaggio di titoli, un interessante andirivieni intellettuale, istruttivo e formativo.

Ed è proprio al filone educativo e culturale che si pensa se si guarda all’iniziativa del biglietto sospeso messa in pratica dal cinema Centrale di via Torino a Milano, il primo cinema aperto nel 1907 nella capitale italiana della moda, tradizionale ma fuori dalle grandi distribuzioni con i suoi 195 posti ripartiti in due sale. I gestori hanno spiegato che il loro obiettivo è puntare sulla qualità e talvolta sul cinema di niccha ed anche per questo hanno deciso di dare la possibilità a chi frequenta le loro sale, di lasciare un biglietto pagato per uno sconosciuto che può, all’occorrenza, anche prenotarlo online. Grazie all’iniziativa telematica sono infatti arrivate visite e richieste anche da altre città, soprattutto da Roma in giù. All’ingresso del cinema è stata posta una teca, dove chiunque decida di donare un biglietto sospeso, può inserire la ricevuta; chi ne usufruisce può a sua volta lasciare un ringraziamento anonimo su una card predisposta. Un’iniziativa bella ed innovativa che fa bene al cuore ed anche al cinema di qualità.

CONDIVIDI
Maria Francesca Amodeo
Classe 1991, calabrese, testarda e abitudinaria. Diplomata al Classico, oggi sono una studentessa di Giurisprudenza presso l'Università di Salerno che spera, un giorno, di far diventare l'amore per la penna il suo mestiere. Amo il mare - soprattutto quello di casa mia - e vivo spesso con la valigia tra le mani perché mi piace viaggiare e scoprire posti nuovi. Le grandi passioni della mia vita però sono soprattutto tre: la politica, la scrittura e Luciano Ligabue. Ho così tanti sogni nel cassetto che non so più dove mettere i vestiti!