11 Aprile 2012, esce The Avengers

15
0

E venne un giorno,diverso dagli altri,in cui gli Eroi più potenti della Terra si trovarono uniti contro una minaccia comune!”

Queste sono le parole che aprirono nel lontano 1963 il primo fumetto de The Avengers (o I vendicatori come sono noti al pubblico fumettofilo italiano), allora come 4 anni fa, primo concept corale di superereroi che potesse unire in un ideale climax tutta una serie di progetti individuali realizzati come Iron Man, Thor, Captain America. Il risultato è un prodotto di eccellente intrattenimento, che darà vita a due seguiti, di cui attendiamo il terzo episodio in due parti  nel 2017 e 2018). Certo il rischio era quello di un All Star Game di icone senza nessuna sostanza e molta confusione. Solo il cachet dei protagonisti superava i 100 milioni ed era immaginabile come gente come Robert Downey Jr, Chris Evans, Samuel L. Jackson, ecc volessero i riflettori.

Il regista Joss Whedon (anche famoso sceneggiatore di fumetti) si prende anche i suoi rischi perché sceglie un’esplosione pop e colorata per dar vita al supergruppo in completa opposizione all’iperealismo dark imperante del Batman di Nolan (che comunque rimane di un livello decisamente superiore), ed il risultato sono due ore e venti minuti di azione mista ad umorismo ed ironia veramente ben mescolate, ma senza sfociare nel macchiettismo.

Mai si erano viste scazzottate suscitare applausi in sala dai tempi di Bud Spencer e Terence Hill: su tutte, la scena dove Hulk sbatacchia in qua e là un’incredulo Loki (nella enigmatica ed intrigante interpretazione di Tom Hiddleston, il villain, forse il migliore di un film con tante stelle).

Altre ricorrenze

  • 1944, nasce John Milius, sceneggiatore di Apocalypse Now e regista di Conan il Barbaro e Un Mercoledi da Leoni
  • 1961, nasce Vincent Gallo, attore di Buffalo 66 e Segreti di Famiglia
  • 2007, esce Il Caso Thomas Crawford, gran thriller con Anthony Hopkins e Ryan Gosling
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.