Giusy Ferreri. Un nuovo inizio e la voglia irrefrenabile di tour

La cantante si racconta e presenta il nuovo tour in partenza a maggio. L'ultima raccolta corona il percorso artistico iniziato nel 2008 e pone le basi per un futuro dalle sonorità differenti.

402
0
Giusy-Ferreri-presenta-hits

Una hit che ha dominato l’estate 2015 e l’airplay radiofonico -certificata sei volte platino in Italia e rimasta ai vertici delle classifiche per più settimane- e tre nuovi brani inediti, che significano per Giusy Ferreri, se non un nuovo percorso, almeno una buona deviazione. Il grande rilancio della cantante con Roma-Bangkok, interpretata al fianco della rapper Baby K, e la voglia di affidarsi ai giovani autori italiani, sempre più ricercati per gli album d’oggi, (Faini, Abbate, Zampaglione, Casalino, Magro), hanno portato alla nascita di Hits, la raccolta di brani uscita a novembre 2015.
«C’è un nuovo inizio ma Hits rappresenta anche tutto il percorso dal 2008 ad oggi. Questi nuovi brani inediti mi hanno fatto sviluppare l’esigenza di reincanalare lo stesso atteggiamento d’apertura che ho avuto per esempio con Tiziano Ferro o all’inizio del mio percorso. Osservare la magia che nasce senza dover necessariamente impormi con la mia scrittura e stare e vedere cosa arriva di buono».

Una raccolta che ha posto in secondo piano un progetto già consolidato in larga parte, nato agli inizi del 2015. Molto materiale era già pronto per formare un nuovo disco ma è stato accantonato per dare spazio a Hits, pubblicato con tre brani inediti: Volevo te, singolo più trasmesso dalle radio, Come un’ora fa e Prometto di sbagliare. «Questi tre brani sono arrivati in coda al lavoro già iniziato, la scelta dei tre singoli mi ha fatto maturare l’idea che arriverà ancora materiale nuovo. Vorrei approcciarmi in modo più fresco e giovanile, seguendo il filone che ho intrapreso quest’estate. Indubbiamente qualcosa scombussolerà i brani già messi insieme».

YouTube / GiusyFerreriVEVO – via Iframely

Tre brani che donano alla Ferreri una nuova veste, gli arraggiamenti che fondono pop, reggaetton e dance, la rendono versatile e accattivante, con una vocalità che va a esplorare ambienti diversi, ben lontani dalla monotematicità degli esordi. Un percorso costruito attraverso quattro album, nei quali la Ferreri ha imparato a conoscersi, soddisfando esigenze popolari e personali: «Lo stile musicale pop è quello che maggiormente mi permette di esprimere colori differenti della voce ed è la dimensione più efficace. Durante il mio percorso artistico ho soddisfatto anche esigenze personali, rifiutando quasi del tutto un lavoro in team. Ne ho ricavato gratificazioni perchè sentivo che era il momento giusto per poterlo fare, la musica andava di pari passo con il mio stato d’animo, chiuso e introspettivo. Mi sentivo a mio agio nell’affrontre cose più difficili che avevano una resa popolare minore».

Un assaggio del tour estivo sarà a maggio, con tre date: Roma (10 maggio), Milano (12 maggio) e Palermo (16 maggio). Molto spazio in scaletta sarà dato alla raccolta Hits, ma ancora nulla di certo rivela la cantante, che attualemnte sta lavorando su più ipotesi di scaletta. «Sto lavorando su 3-4 scalette per riuscire a rappresentare al meglio hits, magari ci sarà anche qualcosa che ho escluso dalla raccolta. Non ho idea delle cover che proporrò».

In ogni caso, conclude, il nuovo album non è imminente ma presto arriverà.Saluti Giusy

CONDIVIDI
Matilde Ferrero
Vent'anni e un corso di studi a Milano. Soffro di Londonite da quando ho passato tre mesi nella capitale britannica e poi ho dovuto lasciarla. Una volta ho incontrato Paul McCartney, ma non l’ho riconosciuto.