Lui è tornato. Un selfie col Führer

Hitler si risveglia sulla Terra. Reazioni, selfie e televisioni

52
0

Lui è tornato
di David Wendt
con Oliver Masucci, Fabian Busch, Christoph Maria Herbst, Katja Riemann, Franziska Wulf.
Voto 6/7

In un giardinetto di Berlino, dove a suo tempo c’era il bunker, Hitler si risveglia un po’ bruciacchiato e prende contatto col nostro tempo. Siccome è un animale politico furbo gli basta vedere un’edicola, poi una tv, quindi un computer per capire i veicoli utili a convincere il popolo. Per cominciare entra come curiosità in un programma tv già di per sé di grossolanità letale.
Il popolo, nel bestseller di Timur Vernes da cui è tratto il film, si lasciava convincere abbastanza in fretta (gli bastano anche squallidi imitatori, come la cronaca racconta…)  indeciso se trovare il personaggio matto, comico o addirittura simpatico. Poi la storia si inerpicava sull’ovvio potere pericoloso che dà la tv in mix con l’ambizione e il gioco degli equivoci. Non era in realtà una storia “divertente”.
Il film di David Wendt ricavato dal libro, passa invece sul lato “istruttivo”: ci assicurano che è partito dalla candid-camera, cioè regista e troupe leggera si sono portati in giro questa controfigura di Hitler un po’ alta forse, col naso più aquilino e con l’espressione meno intontita di quella che di solito aveva  il Führer quando non si metteva in posa, e hanno ripreso per centinaia di ore le reazioni della gente comune. Quelli con le facce pixellate non hanno firmato la liberatoria. Pochini. Il dato unanime è che nessuno ha dato davvero in escandescenze. Molti si sono fatti selfie ricordo. Poiché il confine tra vero e falso in un film di finzione è sempre un codice, resteremo col dubbio che (ritorni incarnati a parte) il tempo abbia lavorato a favore del peggio. Negli sviluppi successivi (un po’ ovvii, un po’ fantasiosi) il film è ligio al libro e privo di colpi d’ala e mentre avanza lascia la sensazione che avrebbe potuto essere diverso, ma non osiamo immaginare quanto… Lui è tornato resta in sala 3 giorni:  oggi, domani e il 28.

YouTube / Nexo Digital – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori