Le confessioni. Un mistero kitsch

Summit di banchieri con ospiti, suicidio e confessione. Di che?

27
0

Le confessioni
di Roberto Andò
con Toni Servillo, Connie Nielsen, Pierfrancesco Favino, Marie-Josée Croze, Moritz Bleibtreu
Voto 6 meno

A un summitt di ministri che si comportano come in certe visioni complottistiche del circolo Bilderberg (quelli-che-decidono-alla-faccia-dei-governi-i-destini-del-mondo) sono stati invitati anche una scrittrice di libri per bambini dai fatturati astronomici, una non meglio definita rockstar e un ex matematico ora monaco certosino (Servillo), a cui il capo del fondo monetario chiede di essere confessato prima di suicidarsi soffocandosi con un sacchetto di plastica. L’organizzazione si chiede: il monaco, che registra i canti degli uccelli, ha registrato la confessione? Nella confessione ci sono i segreti inconfessabili dei re del mondo che hanno deciso di sacrificare all’economia i poveri? Il monaco rischia la vita? Il monaco rischia l’incriminazione come in Io confesso di Hitchcock (lo sottolineano anche troppo…)? L’albergo del summit è una cellula del potere che maneggia le nostre vite? La democrazia è una finzione? I canti degli uccelli nascondono codici della Verità? È vera o falsa la formula che permette di creare denaro dal denaro calpestando la povertà globalizzata? Il cane nero di un banchiere a questo punto, è il diavolo al servizio del capitale o è Voldemort, visto che scrittrice sembrerebbe quella di Harry Potter? Andò ha confezionato un film metafora kitsch: i ricchi che decidono i destini del mondo sono algidi come nella pubblicità delle cose costose (per i poveri) e propugnerebbero una piccola mistica della ricchezza contro popoli. Ogni tanto musica e riprese calligrafiche suggeriscono che c’è un mistero indicibile dietro a tutto, ma è così misterioso da risultare piuttosto noioso. E vengono cattivi pensieri: se il monaco Salus fosse  Jep Gambardella che s’è rotto della Grande Bellezza?

YouTube / 01Distribution – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori