1 maggio 2000 esce Il Gladiatore

52
0

Accusato di volere rinverdire  un genere ormai superato, la prima cosa che disse Ridley Scott a proposito del realizzare un “peplum” era che voleva realizzare una rappresentazione realistica della Roma imperiale, e quindi niente gente distesa che mangiava grappoli piuttosto che strette di avambracci per salutarsi virilmente tra centurioni.

Obiettivo sicuramente raggiunto per le ambientazioni, con città e il Colosseo tuttora impressionanti a 16 anni di distanza e che ben sposano l’idea della meraviglia che colpiva gli storici dell’epoca quando arrivavano nell’Urbe e, nonostante qualche critica sporadica, per i magnifici costumi, la splendida battaglia iniziale e le megalomaniache battaglie che avvenivano nell’Arena. Meno per quanto riguarda la storia: il generale romano che diviene imperatore, che diviene un gladiatore, che ritorna ad essere un generale è quanto di più fumettistico si possa immaginare.

Col senno di poi, chissenefrega: Scott ci consegna un film colossale come non se ne vedevano da tempo, a volte fin troppo barocco, ma coinvolgente ed emozionante. Al di là degli scontri adrenalinici, ci vengono consegnate anche meravigliose immagini di sogno (Maximus che accarezza le spighe di grano di casa sua e poi nei campi elisi è veramente struggente) e ottime interpretazioni, con le ultime di mostri sacri come Richard Harris e Oliver Reed (che morì durante la realizzazione e a cui fu dedicato il film), un Joaquin Phoenix cattivo perfetto, e un Russell Crowe che vedrà decollare la sua carriera da questo in film in poi, nonostante altre ottime prestazioni precedenti, e che qui vince il suo primo ed unico oscar (il film ne vince 5). Immortale La colonna sonora del film spesso erroneamente attribuita alla famosa cantante celtica Enya, mentre in realtà fu composta da Hans Zimmer e cantata da Lisa Gerrard, in una lingua completamente inventata tranne la parola “shalom”, per potenziarne volutamente il potere evocativo.

Altre ricorrenze

  • 1946, nasce John Woo, regista di Face Off e Windtalkers
  • 1954, nasce Carlo Buccirosso, attore de il Divo e di Noi e La Giulia
  • 1955, nasce Ricky Tognazzi, attore e regista di Canone Inverso e La Scorta
  • 1969, nasce Wes Anderson, regista di Grand Hotel Budapest e I Tenenbaum
  • 1976, nasce Violante Placido, attrice de L’Americano e Ghost Rider Spirito di Vendetta
  • 1982, nasce Jamie Dornan, attore di 50 Sfumature di Grigio e Il Libro della Jungla
  •  1988 ,muore Paolo Stoppa, attore di Miracolo a Milano e Rocco e I Suoi Fratelli
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.