8 Maggio 1999, muore Dirk Bogarde

61
0

Storia drammatica quella di Derek Jules Gaspard Ulric Niven Van Den Bogaerde, figlio di un grafico olandese e  di un’attrice teatrale inglese, nato a Londra nel 1921.

Nel 1940, si arruola nell’esercito e svolge servizio come fotografo nell’Intelligence britannica; oltre alle fotografie, scrive poemi e dipinge la guerra, entrambi poi raccolti in collezioni. Sette medaglie al merito, e due traumi che lui definì indelebili: pose fine alla vita di un compagno ormai condannato sul campo di battaglia; e partecipò alla liberazione di Bergen Belsen, da lui definito, “ una visione dell’Inferno di Dante”. Lo lasciò talmente scosso che ha sempre dichiarato che piuttosto che salire in ascensore con un tedesco, preferiva salire a piedi, il che è ironico visto che tre delle parti che lo hanno reso famoso sono proprio quelle dove interpreta un tedesco.

Al ritorno della guerra inizia a recitare, e nel 1948 ha la sua prima parte da protagonista in Esther Waters.  Ottimo il suo contributo al cinema italiano, con Luchino Visconti che gli assegna le parti dello spietato capitalista Frederick Bruckmann ne La caduta degli Dei (1969) e dell’anziano professore Gustav von Aschenbach nel capolavoro Morte a Venezia (1971), mentre per Liliana Cavani interpreta il perverso Max, l’ex militare nazista de Il portiere di notte (1974).

Nel 1990 si ritira dalle scene: “la recitazione a cui sono abituato non esiste più: ora si preoccupano di budget, lunghezza, costi e se riusciranno a capire a Milwaukee”. Si spegne a 78 anni per un infarto.

Altre ricorrenze

  • 1948, nasce Maurizio Nichetti, regista di Ratataplan e Ho Fatto Splash
  • 1953, nasce Cristina Comencini, regista de La Bestia Nel Cuore e il Più Bel Giorno della Mia Vita
  • 1953, nasce Tony Sperandeo, attore di Mery Per Sempre e I Cento Passi
  • 1954, nasce David Keith, attore di Ufficiale e Gentiluomo e Cavalli di Razza
  • 1963, nasce Michel Gondry, regista di Se Mi Lasci Ti Cancello e Be Kind Rewind
  • 1994, muore George Peppard, attore di Colazione da Tiffany e in TV con l’A-Team
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.