Jake La Furia (dei Club Dogo) si mette a nudo

480
0
Fuori da qui
di Jake La Furia
Voto 8

Jake La Furia si mette a nudo in Fuori da qui, ultimo album solista del rapper dei Club Dogo.
In questi ultimi due anni (2015-2016) i rapper italiani sembrano convinti a lasciare veramente il segno, specialmente quelli più anziani (musicalmente parlando), forse “spaventati” dal “ricambio generazionale”.
El Chapo è stato il primo singolo uscito e, devo confessarlo, aveva – a torto – sollevato in me pregiudizi dati dalla paura di sentire, per l’ennesima volta, un rapper parlare di rap.
Poi, è arrivato il secondo singolo, quello che dà il titolo all’album, contenente un featuring con Luca Carboni. Il ritornello è melodico, le strofe hanno quel qualcosa di introspettivo… Allora mi sono chiesto: “Ma dove vuole andare a parare Jake?” Dopo aver ascoltato il disco un’idea me la sono fatta, e sarò felice di condividerla con voi.
Il disco apre con il singolo El Chapo, che parla proprio del cliché del rapper, criticandolo con un video che riporta, paradossalmente, a quell’immaginario. “Euro, money, cash nelle tasche”, questo dice Jake ne El Chapo. Un singolo autocelebrativo dunque? No, o meglio, non solo. È proprio per il concept dell’album che la prima traccia sta bene dove sta, diventando quasi un filo conduttore capace di unire rap autocelebrativo ad un rap introspettivo.
“Nasco; piango; cresco; incasso; pago; pago; pago; muoio”. Un mondo di zombie è quello che Jake ci invita a lasciare. Quello che più è piacevole di questo disco, è la capacità e genialità dell’artista nell’aver inserito tematiche profonde, quali, per esempio, la crisi in Italia e la voglia di evadere, in contesti, mood e basi orecchiabili. I testi, in questo disco, sono profondi e fungono da messaggi, oserei dire, subliminali. Perché forse, in un mondo di zombie è più facile accettare la verità, se questa ci viene detta melodiosamente.
jake-la-furia-e-luca-carboni-a-sorpresa-in-fuori-da-qui-c2rno“Ho faticato ad arrivare qui, per scoprire che voglio qualcosa di diverso”. È sempre ciò che non abbiamo a mancarci di più. Jake ha perso l’amore, cerca qualcuno che lo faccia sentire più normale. Siamo qualcuno che cerca qualcuno. Non vede nessun fuoco negli occhi della gente, e allora quanto vale tutto questo? Il gioco vale la candela?
Una cosa è sicura, questo disco merita di essere comprato. Ci vuole coraggio a spogliarsi una volta arrivati così in alto ed anche per chiedersi quale sia il senso del viaggio… I soldi o gli amici? Una questione di Ali e Radici.

CONDIVIDI
Tyrone Nigretti
Mi chiamo Tyrone, vivo a Milano ed ho 21 anni. Ho iniziato ad ascoltare il rap perché rispecchiava la mia persona: il rap dice le cose nello stesso modo con cui amo dirle io, in modo pungente ed efficace. Le prime recensioni le ho scritte con il desiderio di spiegare il rap e di dare un'interpretazione che desse peso e importanza ad ogni parola scritta nei testi. Questa passione si è intensificata a tal punto da desiderare di poter lavorare con il rap e per il rap. Grazie al rap, dal quale sono stato in qualche modo ispirato, ho scritto il mio primo libro: Fattore H, edito da Rizzoli.