Vasco a Modena: previsti oltre 100 mila spettatori per un evento da “protezione civile”

2387
0

Manca ancora un anno, ma già si lavora in vista del concerto che Vasco terrà nel 2017 a Modena. Riportiamo integrale il comunicato apparso oggi sul sito del Comune di Modena, che spiega gli interventi già avviati e dà un’idea di quanto sarà grande l’evento che ci attende fra dodici mesi.

Condivisi con la Prefettura i principali filoni d’intervento: viabilità e parcheggi, sicurezza, presidio sanitario. Sarà coinvolta anche la Protezione civile

Viabilità e parcheggi, sicurezza, presidio sanitario: sono i tre principali filoni di intervento sui quali si concentrerà il lavoro organizzativo in vista del concerto di Vasco Rossi al Parco Ferrari di Modena in programma nell’estate del 2017. I tre ambiti d’intervento sono stati condivisi dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli e dal prefetto Michele Di Bari in un incontro di oggi, lunedì 16 maggio, convocato dalla Prefettura con i rappresentanti del Comune (gli assessori all’Ambiente Giulio Guerzoni e ai Lavori pubblici Gabriele Giacobazzi), della Commissione provinciale di Vigilanza per i pubblici spettacoli e dei Vigili del Fuoco per definire le modalità di lavoro che nelle prossime settimane vedranno all’opera i gruppi di tecnici.

I canoni organizzativi di una manifestazione che, secondo le previsioni, richiamerà oltre 100 mila persone saranno quelli di un grande evento di Protezione civile, con il coinvolgimento quindi del Dipartimento e dell’Agenzia regionale. Nel frattempo, il Comune si rapporterà con gli organizzatori del concerto per definire un Piano tecnico e produrre tutti gli atti necessari alle autorizzazioni. Con gli organizzatori, inoltre, sarà stipulata una Convenzione per garantire la tutela del parco e degli arredi pubblici.

La manifestazione avrà come perno, appunto, il Parco Ferrari, ma l’area interessata agli approfondimenti tecnici è quella del raggio di circa 4 chilometri individuata anche per i parcheggi e per la definizione dei percorsi pedonali e dei collegamenti con la zona del concerto. In tutta quell’area, quindi, sarà necessario garantire la sicurezza e il presidio sanitario.

CONDIVIDI
Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.