Aham, il nuovo disco di Corrado Rustici

290
0

Corrado Rustici è uno dei produttori musicali più famosi e rinomati al mondo. Dal 1985, quando ha iniziato la sua collaborazione con Zucchero, ha iniziato a sfornare, anno dopo anno, successi su successi. Oltre ad Adelmo Fornaciari ha prodotto artisti del calibro di Ligabue, De Gregori, Elisa ed i Negramaro, ed è stato collaboratore di Herbie Hancock, Whitney Houston, Aretha Franklin, George Benson ed Elton John. Nel 2007 inoltre è diventato il primo produttore della storia ad occupare, contemporaneamente nella stessa settimana, i primi tre posti della classifica con tre artisti diversi: al primo posto “Niente paura” di Ligabue, al secondo “L’immenso” dei Negramaro ed al terzo “Ferro e cartone” di Francesco Renga.

Ma oltre ad essere un produttore di successo, è anche un ottimo chitarrista. Il 24 Giugno uscirà “Aham”, suo nuovo disco solista, a distanza di dieci anni dal suo ultimo album di inediti. “Aham” in sanscrito significa “Io sono” e rappresenta l’emblema della sua continua ricerca incentrata sul dove la musica può arrivare e che pone, come unica fonte sonora al centro di tutto, la chitarra.

Dice del disco, <<Questa parola, “Aham”, è stata la chiave con la quale ho iniziato a indagare, seriamente e profondamente, sulla natura del mio essere e, di conseguenza, sull’essenzialità di ciò che percepisco come “Musica”. Quando ho iniziato a concepire e a comporre le musiche per questo mio nuovo album, ho deciso di esplorare sonorità e contesti musicali avvalendomi della chitarra come unica fonte sonora  e come unico campo di sperimentazione nel quale scoprire fino a che punto questo meraviglioso strumento, e io, saremmo potuti arrivare>>.

CONDIVIDI
Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.