Il nuovo album dei Katatonia, “The Fall of Hearts”

510
0

I Katatonia nascono a Stoccolma nel lontano 1991 per volontà del cantante Jonas Renske e del chitarrista Anders Nyström. I due sono anche i compositori del gruppo.

Nel corso degli anni i Katatonia si cimentano nei loro album in diversi stili musicali dal Death/doom al Dark metal, dal Gothic metal al Gothic rock, dal Dark rock all’Alternative metal, dal Metalgaze al Progressive metal, fino ad approdare a una sorta di Progressive rock raffinato e del tutto particolare con forti influenze di Depressive rock. L’album di cui parliamo arriva dopo Dead End Kings del 2012. In questo nuovo lavoro sono presenti il nuovo batterista Daniel Moilanen e nuovo chitarrista Roger Öjersson. Moilanen sostituisce Daniel Liljekvist coi Katatonia da quindici anni e Öjersson, già coi formidabili Tiamat, sostituisce Per Eriksson con loro dal 2009.

The Fall of Hearts, il decimo full length del gruppo, è in gran parte scritto e prodotto dai membri fondatori Jonas Renkse e Anders Nyström. L’album prosegue il discorso di quel capolavoro che fu Dead End King ma si muove in una direzione più rock progressive. I testi dei Katatonia continuano a parlare di perdita, alienazione, desolazione e desiderio di trascendenza. Le melodie sono ancora meno prevedibili degli album precedenti. L’album è pieno di oscurità e di luce, pesantezza e morbidezza miscelate con maestria in una raffinata atmosfera malinconica. Un album con sonorità moderne e pieno di sottigliezze a partire dai geniali incastri di chitarre. Un lavoro che sto avidamente ascoltando da una settimana e che trovo sempre più bello e interessante.

Discografia essenziale:

Dance of December Souls del 1993 è il loro primo full-length. Lo stile va dal Death/doom al dark metal.

Brave Murder Day del 1966 vede Mikael Åkerfeldt degli Opeth come cantante in ben 5 tracce. Inoltre Jonas Renkse suona la batteria. Dal Death/doom al dark metal.

Discouraged Ones è il terzo album dei Katatonia. Esce nel 1998 ed è l’ultimo dove Jonas Renkse suona la batteria. In futuro si occuperà solo delle voci. Gothic metal e dark metal. Esce per un’etichetta italiana la Avantgarde Music.

discouraged_ones_by_ufuktekir

Last Fair Deal Gone Down è il loro quinto album ed esce nel 2001 con la Peaceville Records. Dark Rock e Gothic metal.

The Great Cold Distance uscito nel 2006 è considerato uno dei loro capolavori. L’accreditata webzine PopMatters colloca questo lavoro tra i top metal album del 2006. Per questo disco sono stati realizzati parecchi video. David Castillo si occupa della co-produzione, delle tastiere e della programmazione migliorando notevolmente il suono. Doom metal, Alternative metal, Progressive metal.

the-great-cold-distance-4f928100936d8

Night Is the New Day l’ottavo full-length esce nel 2009. I Katatonia registrano 13 tracce ma nell’album ne vanno 11. È l’ultimo disco con la presenza dei fratelli Norrman, rispettivamente alla chitarra ritmica e al basso. Co-prodotto da David Castillo. Metalgaze, Doom metal.

Dead End Kings il nono album di studio è uno dei miei preferiti. I brani sono ispirati, gli arrangiamenti sofisticati al limite della perfezione. La produzione impeccabile. Doom metal, Alternative metal, Progressive metal, Alternative rock e Progressive rock.maxresdefault

Katatonia live – Sanctitude. All’interno della Union Chapel, a Londra, il 16 Aprile del 2014 i Katatonia registrano un live acustico memorabile, che sarebbe poi passato alla storia col nome di Sanctitude. Una reinterpretazione e un sunto di un’intera discografia per sancire la fine di una fase gloriosa. L’atmosfera del concerto è incredibile. La cappella, bellissima e suggestiva, viene riempita di candele e di luci soffuse. Un’esperienza unica che nel DVD è resa benissimo. Questo live acustico sarà fondamentale per la crescita del gruppo.

Katatonia

The Fall Of Hearts maggio 2016

CONDIVIDI
Guido Elmi
Dalla fine degli anni cinquanta ascolta musica internazionale. Dalla fine degli anni settanta lavora in sala di incisione. A volte scrive canzoni. Collabora con Vasco Rossi da oltre 30 anni. Ha lavorato per Stadio, Skiantos, Gaznevada, Edoardo Bennato, Alberto Fortis, Marco Conidi, Steve Rogers Band, Clara & Blackcars e altri. Non è un talent scout. Non è un manager o un impresario. Negli U.S.A. e nel Regno Unito si direbbe producer. Deve tutto a Elvis, ai Rolling Stones, a Dylan, agli Steely Dan, ai Black Sabbath e a Phil Spector. Il 22 gennaio 2016 esce il suo primo album da solista: La mia legge.