27, 28, 29 Maggio Il signor G à Paris

42
0

Una tre giorni interamente dedicata a Giorgio Gaber nello splendido scenario della Ville Lumiere, è questo il progetto patrocinato della Fondazione Gaber e a cura dell’Associazione Les Ateliers de CriBeau -costituita a Parigi da personalità della cultura italiana- che si realizzerà i prossimi 27, 28 e 29 maggio per rendere noto al pubblico parigino il grande ed indimenticato artista italiano.

Il signor G à Paris, questo il titolo della rassegna, sarà un susseguirsi di monologhi, scene ed intermezzi musicali e vedrà alternarsi sul palcoscenico poliedrici e talentuosi artisti.

Ad aprire le danze sarà il 27 Maggio, alle ore 19.45 presso la Salle Rossini del Municipio del nono arrondissement, Nerì Marcorè con Hommage a Giorgio Gaber. L’attore, che ha replicato Un certo Signor G nei teatri italiani più importanti per tre stagioni consecutive dal 2008 al 2010 e che risulta essere uno dei più grandi interpreti del repertorio gaberiano, sarà accompagnato da Pacifico, Cristina Marocco, Maria Laura Baccarini e Pierrick Hardy.

Maria Laura Baccarini sarà anche la protagonista, assieme a Règis Huby, del concerto/spettacolo Io, Gaber e le cose che andrà in scena durante la serata di sabato 28 Maggio presso Les Ateliers de CriBeau. Un percorso intimistico e profondo che racconterà il Gaber artista ma soprattutto il Gaber uomo; i suoi rapporti con la famiglia, lo Stato, l’amore e il sesso. un viaggio compiuto attraverso la scelta delle sue canzoni più belle e significative, riadattate magistralmente dalla magnifica interprete con l’accompagnamento del violinista Huby. Anche il teatro-canzone saprà ritagliarsi il suo spazio all’interno dello spettacolo: L’illogica allegria, L’uomo muore, Guardatemi bene, Non insegnate ai bambini, sono infatti soltanto alcuni dei titoli delle canzoni che saranno eseguite.

La serata conclusiva, domenica 29, inizierà alle ore 17 e vedrà tutti gli artisti salire sul palco de Les Ateliers de CriBeau che con testimonianze, letture, canzoni, aneddoti e racconti ricorderanno, ognuno a suo modo, Finalement…Giorgio Gaber.

CONDIVIDI
Maria Francesca Amodeo
Classe 1991, calabrese, testarda e abitudinaria. Diplomata al Classico, oggi sono una studentessa di Giurisprudenza presso l'Università di Salerno che spera, un giorno, di far diventare l'amore per la penna il suo mestiere. Amo il mare - soprattutto quello di casa mia - e vivo spesso con la valigia tra le mani perché mi piace viaggiare e scoprire posti nuovi. Le grandi passioni della mia vita però sono soprattutto tre: la politica, la scrittura e Luciano Ligabue. Ho così tanti sogni nel cassetto che non so più dove mettere i vestiti!