29 maggio 1959, nasce Rupert Everett

57
0

Quando si pensa a Rupert Everett come ad un icona gay, spesso ci si dimentica anche che sia un ottimo attore. In qualche modo, da un punto di vista sociale, ha sempre rappresentato un’ideale normalità delle sue preferenze sessuali  (si dichiara peraltro bisessuale) mai strillata, mai isterica, mai nascosta.

Amatissimo dalle donne, comunque un gran seduttore, eppure già a quindici anni fa coming out, e il suo primo film di successo (Another Country, 1984) interpreta una spia-gay, ovviamente.

Naturalmente portato a film in costumi per eleganza e modi, come L’Importanza di Essere Ernesto, Un Marito Ideale, La Pazzia di Re Giorgio, Sogno di Una Notte di Mezza Estate, ecc. tuttavia la parte che lo rende universalmente noto da noi in Italia, rimane quella dell’amico (gay) di Julia Roberts ne Il Matrimonio del Mio Migliore Amico, dove sfodera anche una spiccata vis comica, e soprattutto l’essere stato il modello di riferimento di Tiziano Sclavi quando disegna il suo Dylan Dog per la prima volta nel 1986, e sulle cui fattezze interpreta anche un film, DellaMorte DellAmore nel 1994.

Altre ricorrenze

  • 1936, esce Furia primo film di Fritz Lang a Hollywood
  • 1953, nasce Danny Elfman, grande compositore di colonne sonore (Big Fish, Milk, Good Will Hunting, i Simpson)
  • 1958, nasce Annette Bening, attrice di American Beauty e I Ragazzi Stanno Bene
  • 1979, muore Mary Pickford, una delle prime star del cinema muto di Hollywood (Oscar per Coquette, 1929)
  • 2010, muore Dennis Hopper, attore, regista, Easy Rider.
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.