Il Principe incanta la Piccola Città Eterna

735
0

Francesco De Gregori fa parte del nostro patrimonio culturale. Alla pari di Francesco Guccini e Fabrizio De Andrè è uno dei cantautori che maggiormente è riuscito ad emozionare, negli anni, intere generazioni. Le sue canzoni hanno segnato non solo la musica italiana, ma anche la nostra storia. Un poeta, un cantautore, o, più semplicemente, un artista.

Credo che ci siano due tipi di concerti: quelli che ti fanno tornare a casa col sorriso e quelli che non vorresti finissero mai. I concerti di Francesco De Gregori appartengono, senza alcun dubbio, a quest’ultima tipologia.

E’ partita ieri sera da Correggio la leg estiva del suo Amore e Furto Tour. Nel meraviglioso Corso Mazzini della Piccola Città Eterna, un Principe in grande forma ha dato vita ad un concerto stupendo. Sorridente, ironico, spigliato ha deliziato i tanti fan giunti per questa data zero.

Le prime parole della serata le ha riservate a Luciano Ligabue, amico e padrone di casa, presente al concerto con la moglie Barbara, <<E’ davvero un piacere iniziare questo tour in una città che ascolta buona musica e che la sa suonare anche molto bene>>.

Se durante il tour invernale lo spettacolo era diviso in due atti, il primo dedicato a Bob Dylan, con le canzoni di “De Gregori Canta Bob Dylan”, ed il secondo ai classici del suo repertorio, l’inizio di questa leg estiva è uno di quelli che ti tolgono il fiato, con quattro delle più belle canzoni della storia di Francesco: L’agnello di Dio, La Leva Calcistica della classe ’68, Vai in Africa Celestino e La storia. Quattro canzoni che fanno immediatamente capire che si tratterà di una serata ricca di emozioni.

Le canzoni del suo ultimo lavoro, dedicato a Bob Dylan, saranno solo tre: Servire qualcuno, Non dirle che non è così e Un Angioletto come te, inserire nella parte centrale del concerto. Il finale è un tripudio, con un De Gregori particolarmente ispirato che regala capolavori come Atlantide, Il Canto delle Sirene, Santa Lucia, Pablo e Rimmel, canzone che chiude il concerto prima dei bis. Ma è proprio nei bis che il Principe tira fuori il coniglio dal cilindro con un’interpretazione de La donna cannone da pelle d’oca. La sua voce è perfetta, l’interpretazione esemplare. Ti trascina dentro la storia impedendoti di riuscire a trattenere una lacrima. L’applauso finale è ricco di affetto e commozione.

Un concerto stupendo che è solo l’inizio di un tour che, sono certo, regalerà grosse emozioni.

La scaletta della serata:

  1. L’agnello di Dio
  2. La Leva Calcistica della Classe 68
  3. Vai in Africa Celestino
  4. La storia
  5. L’abbigliamento di un fuochista
  6. L’angelo
  7. Caterina
  8. Battere e Levare
  9. Sempre e per sempre
  10. Servire qualcuno
  11. Non dirle che non è così
  12. Un angioletto come te
  13. Adelante adelante
  14. Atlantide
  15. Il canto delle sirene
  16. Generale
  17. Il panorama di Betlemme
  18. Passo d’uomo
  19. Titanic
  20. Santa Lucia
  21. Pablo
  22. Rimmel
  23. Come il giorno
  24. La donna Cannone
  25. Buonanotte Fiorellino

Le prossime date del tour:

  • 3 Giugno – Verona
  • 4 Giugno – Massa (MS)
  • 2 Luglio – Roma
  • 5 Luglio – Civitanova Marche (MC)
  • 8 Luglio – Alessandrio (AL)
  • 9 Luglio – Sordevolo (BI)
  • 22 Luglio – Salerno (SA)
  • 29 Luglio – Bellinzona (CH)
  • 30 Luglio – Grugliasco (TO)
  • 3 Agosto – Bardonecchia (TO)
  • 4 Agosto – Merano (BZ)
  • 6 Agosto – Gubbio (PG)
  • 9 Agosto – Vignanello (VT)
  • 13 Agosto – Francavilla al Mare (CH)
  • 17 Agosto – Stornara (FG)
  • 27 Agosto -Taormina (ME)
  • 30 Agosto – Cagliari (CA)

 

CONDIVIDI
Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.