Fiore. Una tenerezza dura

Vite allo sbando dall'inizio, in cerca di un po' di tenerezza

28
0

Fiore
di Claudio Giovannesi
con Daphne Scoccia, Josciua Algeri, Laura Vasiliu, Aniello Arena, Gessica Giulianelli
Voto 7-

La mamma non c’è, il padre (Mastandrea) è un ragazzo invecchiato e ancora fresco di carcere, Daphne (Scoccia) è una specie di piccola lupa che dorme nelle stazioni e ruba cellulari, ma un giorno punta il coltello al collo sbagliato e finisce in casa correzionale. Non lega e in apparenza fa la dura, ma in silenzio cerca il padre che un po’ si nega e un po’ non se la sente di portarla a casa: dovrà scontare ancora un anno tra giovani sbandate dai dialetti incomprensibili, spacciatrici, rapinatrici in erba, a imparare un po’ di disciplina, confezionare abiti per sfilate di moda paracarcerarie e a sognare carezze. Poi da cella a cella incrocia gli occhi di Josh (Algeri), anche lui rapinatore in erba, e nasce l’amore a distanza: sguardi, bigliettini, telefonate clandestine e sigarette scambiate nei modi dei prigionieri, fino a che durante una licenza Daphne scappa e raggiunge Josh e insieme vanno via, in fuga continua in un’Italia che sembra divisa tra guardie e ladri e migranti nel mezzo. I temi del film che all’inizio parte ruvido, antipatico, realistico, cronaca nera senza concessioni, sono la tenerezza e il pudore incastrati in caratteri come pietre. Già visto? Sì. Ma gli attori (esordienti) in questa vita in salita rubano comprensione. Mastandrea produttore sempre più fine.

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori