A Quarrata un festival folk diretto da Riccardo Tesi

79
0

La seconda edizione del Quarrata Folk Festival si svolgerà il 24 e 25 giugno nel complesso monumentale della Villa Medicea La Magia. Alle 21.30 di venerdì 24 per la prima volta in Italia, saliranno sul palco centrale, Accordion Samurai, quintetto internazionale di all star dell’organetto (il basco Kepa Junkera, il finlandese Markku Lepisto, l’irlandese Dave Munnelly e gli italiani Simone Bottasso e Riccardo Tesi), che negli ultimi anni ha partecipato ai più importanti festival europei.

A seguire, Ginevra di Marco, interprete raffinata di un viaggio sconfinato attraverso le musiche del mondo, si esibirà con i suoi compagni di viaggio Andrea Salvadori e Francesco Magnelli. La serata si chiuderà con il concerto di mezzanotte di Giuseppe Tropeano alla chitarra e Alessia Vespa al flauto.

Sabato 25 il festival inizierà alle 10 con la novità dell’edizione 2016, i workshop con tutti i protagonisti della kermesse: i Samurai per l’organetto diatonico, body percussion con Gigi Biolcati, i segreti della musica salentina con i musicisti del Canzoniere Grecanico Salentino (nella foto).

Nel pomeriggio ci saranno visite guidate su prenotazione alla villa medicea, concerti nel bosco e un’esposizione di organetti diatonici della Ditta Castagnari. Sempre di pomeriggio si svolgerà Il Conciorto, concerto per melanzane, carote, zucchine, chitarre elettriche con Gianluigi Carlone (Banda Osiris) e Biagio Bagini, per grandi e piccini.

Alle 21.30 ci sarà l’esordio come one man band del percussionista e cantante Gigi Biolcati, re del body percussion. Chiuderanno la manifestazione i ritmi irresistibili della pizzica del Canzoniere Grecanico Salentino, gruppo di punta della world music italiana in tutto il mondo.

La direzione artistica di Quarrata Folk Festival è affidata a Riccardo Tesi, musicista di fama internazionale.

CONDIVIDI
Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).