Mercoledì 15 giugno

64
0

Era un ottimo sassofonista anche se un’intera generazione, quella cresciuta a cavallo fra gli anni settanta ed ottanta, lo ricorda soprattutto per le donnine svestite che regolarmente comparivano sulle copertine dei suoi dischi. Ed in particolare delle sue musicassette. Fausto Papetti, di cui oggi ricorre il 17° anniversario dalla scomparsa, ha rappresentato un fenomeno davvero particolare nel campo della musica italiana. Nato a Viggiù, in provincia di Varese, il 28 gennaio 1923, ha iniziato a fare musica negli anni cinquanta. Il suo primo album, Fausto Papetti sax alto e ritmi, risale al 1960. Dopo il seguito dell’anno successivo, nel 1962 inizierà la serie delle raccolte: dalla tre alla cinquantesima, al ritmo medio di una all’anno. Dischi sempre dalla stessa formula: il sax di Papetti in primo piano per rileggere i successi del momento, le musiche da film e qualche standard. Musica da sottofondo, ideale per un locale come per un viaggio in auto. Solo la morte, arrivata per un infarto il 15 giugno 1999 a Sanremo, interromperà la carriera del musicista. Un artista schivo, che forse non ha lasciato un grande segno, ma che tutti in qualche modo ricordano. A suo modo, anche il simbolo di un mondo musicale che non esiste più.

Gli altri fatti del giorno:
1843: nasce il compositore Edvard Grieg
1933: nasce il cantante Sergio Endrigo
1941: nasce il cantante Harry Nilsson
1943: nasce il cantante Johnny Hallyday
1946: nasce il cantante Demis Roussos
1975: nasce la cantante Chiara Civello
1996: muore la cantante Ella Fitzgerald
1996: nasce il cantante Alessandro Casillo
2006: muore la cantante Betty Curtis

CONDIVIDI
Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.