Springsteen e il concerto incompiuto (con McCartney)

401
0

Bruce Springsteen, nella sua quarantennale carriera, ha tenuto ogni tipo di concerto: dai grandi stadi, ai più piccoli teatri, arrivando talvolta ad essere anche un artista di strada. Indimenticabile ad esempio quando, a Napoli, ha improvvisato un piccolo concerto dal balcone del suo albergo, dopo uno spettacolo al Teatro Augusteo.

Tra tutti i suoi concerti oggi se ne celebra uno molto particolare: quello che non è riuscito a concludere. Era il 14 Luglio 2012 e il Boss era il nome di cartello dell’Hard Rock Calling, un festival londinese che negli anni ha portato ad Hyde Park artisti del calibro di Paul McCartney, Neil Young, Stevie Wonder, i Bon Jovi e, per l’appunto, Springsteen. Per garantire un normale e sicuro deflusso degli 80.000 presenti era stato dato un imperativo a Bruce: finire il concerto entro le 22.30. Piccolo particolare, proprio a quell’ora il Boss ha invitato sul palco a suonare con lui un giovane artista di Liverpool: Paul McCartney. <<Non è nulla di che>> ha detto Springsteen mentre presentava Paul <<Ho aspettato questo momento per 50 anni>>.

I due hanno iniziato una Jam unica nel suo genere con Paul a cantare I saw her standing there ed un Bruce che lo guardava attonito ed entusiasta per poi trasformarsi in voce guida nella “sua” Twist and shout. Jam che sarebbe continuata se non fosse arrivato, dall’organizzazione, lo stop inderogabile al concerto.

Interruzione che non è piaciuta a nessuno sul palco, soprattutto a Little Steven, che il giorno dopo si è sfogato su Twitter dicendo che i poliziotti inglesi sono le uniche persone al mondo a non voler sentire più una canzone fatta da Bruce Springsteen e Paul McCartney.

Schermata 2016-07-13 alle 21.40.34

Qui il video di questa meravigliosa, ma incompiuta Jam.

CONDIVIDI
Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.