The Legend of Tarzan. Contro cuore di tenebra

Reboot eco, post e politicamente corretto del personaggio di E. R. Burroughs

27
0

The Legend of Tarzan
di David Yates
con Alexander Skarsgård, Samuel L. Jackson, Christoph Waltz, Margot Robbie, Djimon Hounsou.
Voto 6

Re Leopoldo del Belgio usa la schiavitù per arricchirsi col Congo. E deve soldi all’Inghilterra. L’inghilterra per riavere i suoi soldi chiede a Lord Greystoke, cioè Tarzan (Skarsgaard) già divenuto baronetto, di tornare nella foresta per aiutare la patria. Anzi, può fare di più: aiutare un emissario del governo americano (Jackson) a combattere la schiavitù. In realtà è una trappola tirata da un cattivissimo e azzimato schiavista belga (Waltz) per vendere Tarzan in cambio di diamanti. Questo è postmoderno allo stato puro: Tarzan contro Kurtz di Cuore di tenebra aiutato dal Django di Tarantino. Ne consegue che il rapporto tra Tarzan, i nativi, le scimmie, le liane, gli animali e Jane è rivissuto in flashback fino allo scontro finale che prevede un uso innaturale degli effetti speciali e uno altrettanto innaturale del politicamente corretto (Jackson nella giungla dove tutto mangia tutto si rammarica di quello che gli Usa hanno fatto agli indiani d’America!). È cinema di riferimenti attorcigliati: Waltz per parlare di Tarzan usa termini hollywoodiani per sfotterlo (“Me Tarzan te Jane e cose così”) mentre quando Tarzan lancia l’urlo sembra il tirannosauro di Jurassic Park. È la riscrittura-reebot del personaggio di Edgar Rice Burroughs alla maniera dei rilanci di Batman, Superman, Star Trek, eccetera, fatta da un regista di Harry Potter. Però, sotto gli effetti, poco.

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori