27 Luglio 1984, muore James Mason

38
0

“il pubblico non dovrebbe mai sapere cosa aspettarsi da un’interpretazione di Mason in un film o in un altro. Perciò rappresento un investimento totalmente insicuro”.

Forse rimane ad oggi uno degli attori più sottovalutati del periodo d’oro di Hollywood, fosse solo per la scelta dei personaggi, spesso non l’eroe, ma l’antieroe, e le interpretazioni sottili e decisamente complesse da un punto di vista psicologico.

James, figlio di un ricco commerciante dello Yorkshire, nasce nel 1909, inizia a recitare negli anni ’30, e, caso più unico che raro, fu obiettore di coscienza durante la Seconda Guerra Mondiale, cosa che gli fu sempre contestata in un periodo in cui un tale rifiuto non era certo visto di buon occhio.

Si trasferisce ad Hollywood negli anni ’40 e salvo qualche eccezioni, interpreta spesso parti ambigue, se non proprio negative, curiosamente spesso nazisti (curioso perché fu obiettore di coscienza!): Bruto, Il feldmaresciallo Rommel, spie, personaggi violenti e squilibrati, avvocati corrotti, gerarchi militari e cardinali amorali,  tutto rigorosamente con un aplomb british e mai sopra le righe. Alla fine della carriera (ricchissima, ben 153 titoli) otterrà 3 nomination, curiosamente non per quella che forse rimane la sua interpretazione definitiva, ovvero il professor Humbert Humbert che  si innamora dell’adolescente -tanto per cambiare- Lolita nel film di Stanley Kubrick (1962). Ci piace anche ricordarlo in un ruolo “divino”: quella di Mr. Jordan, l’angelo custode Ne Il Paradiso Può Attendere (1978). A 69 anni, la sua prima parte da indiscutibilmente buono.

Altre ricorrenze

  • 1969, nasce Maria Grazia Cucinotta, attrice de Il Postino e A Brooklyn State Of Mind
  • 1977, nasce Jonathan Rhys Meyers, attore di Match Point e Velvet Goldmine
  • 1978, esce Animal House di John Landis, con John Belushi
  • 2003, muore Bob Hope, attore e comico americano
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.