Il 4 agosto al via Indiegeno Fest 2016: il programma e gli ospiti

78
0
Torna, dopo il successo delle scorse due edizioni, Indiegeno Fest – il Festival organizzato da Leave Music – che si svolgerà dal 4 al 10 Agosto nel comune di Patti, sulla costa tirrenica della Sicilia settentrionale, tra le spiagge del golfo di Patti e la splendida cornice del Teatro Greco di Tindari.

Dopo aver ospitato nelle edizioni precedenti artisti del calibro di Brunori Sas, Niccolò Fabi, Colapesce, Levante e Marta Sui Tubi, quest’anno Indiegeno Fest si riconferma una delle manifestazioni di riferimento e di successo della musica indipendente italiana.
La sua rapida popolarità è certamente dovuta all’offerta musicale sempre attenta e mai banale, e non solo. L’evento, infatti, si svolge in contesti unici: Tindari, col suo Teatro Greco risalente al IV sec a.C., le spiagge della riserva naturale di Marinello, l’isola di Salina, oltre che il centro storico di Patti e l’animato lungomare di Patti Marina.
Un Festival esclusivo e originale, insomma, in cui la passione per la musica si associa alla scoperta delle bellezze artistiche e paesaggistiche di cui la Sicilia è ricca.

Per questo motivo Leave Music -a conferma della sua intenzione di affiancare ad un’offerta musicale di qualità la valorizzazione delle bellezze artistiche e paesaggistiche del territorio – per l’edizione 2016, ha strutturato il Festival nel seguente modo: dal 4 all’8 agosto ciascuna giornata sarà dedicata alla scoperta dei luoghi limitrofi a Tindari di maggior interesse turistico e culturale. Tra gli artisti ospiti di questi eventi ci saranno
Tosca, Antonio Di Martino & Fabrizio Cammarata, Cesare Basile, Renzo Rubino, Alessio Bondì, Baciamolemani e molti altri.
Inoltre, si rinnova l’appuntamento con il MEI (Meeting delle Etichette Indipendenti) con delle tavole rotonde tematiche e open–mic per gli artisti emergenti.
Gli ultimi due giorni, il 9 e il 10 agosto, il clou al Teatro Greco con alcuni degli artisti più rappresentativi della scena musicale italiana:
9 agosto: Eugenio Finardi, Dente, Francesco Motta e Artù
10 agosto: Afterhours, Cassandra Raffaele, Giovanni Truppi e Daniele Celona
Per il programma completo e dettagliato potete andare sul sito ufficiale della manifestazione.

Come per l’edizione del 2015, anche quest’anno Indiegeno Fest ha scelto un tema a cui dedicare l’intero evento: I Migranti.
In virtù del soggetto scelto, la manifestazione avrà l’onore di sostenere Emergency per la cura dei migranti nel Mediterraneo, il confine più pericoloso al mondo. Emergency offre cure a bordo della nave Responder ai migranti salvati in mare e Indiegeno Fest ne sostiene il lavoro e si unisce al suo appello: #DontStopHumanity.
Nella giornata inaugurale del festival ci sarà una tavola rotonda dal titolo “Immigrazione e Legalità”, nel corso della quale verranno approfonditi e messi a fuoco i seguenti argomenti: legalità intesa come rispetto del diritto fondamentale di ogni individuo alla vita; quale principio ispiratore per le amministrazioni locali impegnate quotidianamente a garantire la pacifica convivenza tra immigrati e popolazione locale; legalità come unica arma della società civile nella lotta alla criminalità organizzata pronta a sfruttare la disperazione dei nuovi arrivati per incrementare i propri illeciti profitti.

Quest’anno anche SIAE– Società Italiana degli Autori ed Editori ha accolto con piacere il progetto di Indiegeno Fest in quanto manifestazione di interesse culturale per la musica e per il territorio.

L’edizione del 2016, infine, sarà arricchita dalla collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Palermo. In particolare, gli allievi dell’Accademia, durante l’anno accademico in corso, hanno realizzato una serie di videomapping 3D legati alla tematica scelta, che verranno proiettati nelle serate del 9 e 10 agosto al Teatro Greco di Tindari: l’antico e il moderno che si fondono per regalare agli spettatori una scenografia indimenticabile dal forte valore sociale.

CONDIVIDI
Andrea Giovannetti
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".