Locarno. Ecco i Pardi. Uomini bestie e dei

Ecco i premi di Locarno 69

41
0

Ecco i Pardi. Nel Concorso internazionale, attenzione alla malattia: il Pardo d’oro va a Godless di Ralitza Petrova, storia di traffici di documenti e corpi stanchi: l’empia (godless) protagonista si occupa di vecchi dementi e intanto lei e il suo triste amore invecchiano. Pario anche all’interprete Irena Ivanova. Premio speciale della giuria a Inimi cicatrizate (Scarred Hearts) del romeno Radu Jude, una specie di “montagna incantata” in un sanatorio per tubercolosi sul Mar Nero.Un Pardo alla fede? Alla fede nel cinema visionario, per la miglior regia al percorso gaio e santo di João Pedro Rodriguez per O Ornitòlogo, storia di un osservatore di cicogne che sfiora il cammino di Compostela e sfiora carnalmente la strada della santità gay sul cammino di sant’Antonio di Padova (che era francescano portoghese). È il regista di O Fantasma.
Pardi a uomini e bestie. Menzione speciale ai circensi di nostaglia quasi felliniana di Mister Universo di Tizza Covi. Pardo d’oro Cineasti del presente – Premio Nescens alla serie di incontri umani via animale nella foresta di El auge del humano di Eduardo Williams, Premio speciale della giuria Ciné+ Cineasti del presente a falchi e falconieri di The Challenge di Yuri Ancarani. E il premio del pubblico? Alla lotta tra singolo e sistema, a I, Daniel Blake di Kenneth Loach, già Palma d’oro a Cannes, che ha salutato Piazza Grande a pugno chiuso.

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori