New York Academy. Lei lui e l’arte…

Lui suona il violino lei lo danza

24
0

New York Academy
di Michael Damian
con Jane Seymour, Sonoya Mizuno, Paul Freeman, David Lipper, Maia Morgenstern.
Voto: 6

Riaggiornamento post post post qualcosa di Saranno famosi, la ragazza borghese con un destino nella danza arriva a New York, per studiare all’accademia MCA, ma prima incontra nel metrò il violinista inglese senza carta verde che suona musica personale in clandestinità. Il violinista vive con un gruppo di hip hopper che fanno i camerieri per mantenersi. La ragazza sta con un’altra ragazza che adora fare tardi la notte con i motociclisti, in accademia c’è l’antipatica che ovviamente fa coppia con l’antipatico e un concorso per violinista più ballerina (ma guarda…) potrebbe risolvere tutto. Il ritmo  aiuta lo spettatore a non assaggiare con cura i sapori di questa insalata mista di danza classica, moderna, hip hop, rap, musica classica da ristorante russo e musica classica da video rumorista da pubblicità. L’insieme trascina, le singole parti sono tutte già viste, i protagonisti hanno dalla loro la gioventù che li affratella nel luogo comune, tutti bravi, ovvi e un po’ kitsch, e il messaggio è quello partito subito dopo l’arca di Noè: chi tiene duro ce la fa. Il titolo originale High-Strung fa riferimento al caratteraccio del violinista da strada che che ribalterà il mondo: sensibile, instabile.

 

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori