30 Agosto 2013, esce Prisoners

15
0

Privo di un lancio in grande stile, questo film, è stato, a sopresa, il miglior thriller del 2013 e, ce ne prendiamo la responsabilità, degli ultimi 10 anni.

Diretto dal canadese semi-sconosciuto Denis Villeneuve, che ci regalerà anche il magnifico Sicario del 2015,  la trama ci porta nell’America rurale fatta di case di legno sul vialetto verde e del Giorno del Ringraziamento, ma anche di fucili e pistole in ogni casa, furori e sette religiose, alcol come ansiolitico, sparizioni di bambini all’ordine del giorno.

Il film conta anche su tre interpretazioni straordinarie: quella di Hugh Jackman,  il padre di famiglia disposto a tutto per riprendersi la sua bambina; quella di Jake Gyllenhaal, un vero e e proprio lupo solitario, poliziotto con con istinti e fiuto prodigiosi; e Melissa Leo, in una parte chiave che rappresenta la normalità del male, come non si vedeva dai tempi dell’infermiera di Misery Non Deve Morire.

Intelligente e a volte scomodo (anche per la durata ed il ritmo sincopato non proprio da popcorn movie) Prisoners racchiude nel suo titolo una chiave di lettura ambivalente e per niente scontata nonostante la tematica tipicamente thriller USA del rapimento e che ne “ibrida” il senso finale, avvicinandolo a A History of Violence di Cronenberg o ad un filone italiano anni ’70 de Un Borghese Piccolo Piccolo di Monicelli o de Il Giocattolo di Montaldo.

Altre ricorrenze

  • 1972, esce L’Ultima Casa A Sinistra, primo film del maestro dell’horror Wes Craven
  • 1972, nasce Cameron Diaz, attrice di Gangs a New York e Tutti Pazzi per Mary
  • 2003, muore Charles Bronson, attore de La Grande Fuga e Il Giustiziere della Notte
  • 2008, esce The Millionaire di Danny Boyle, 8 Premi Oscar nel 2009, tra cui Miglior Film
  • 2015, muore Wes Craven, regista horror, esattamente 43 anni dopo l’uscita del suo primo film, L’Ultima Casa a Sinistra
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.