Venezia 73. I film di giovedì 8 settembre

63
0

Ormai siamo agli sgoccioli: appena un paio di giorni e poi calerà il sipario anche sulla 73esima edizione della Mostra del cinema di Venezia. Rien ne va plus, les jeux sont faits? Neanche per sogno! Eccoci quindi pronti, come sempre, a raccontarvi i film che ci attendono in questa terzultima giornata veneziana.

Due, le pellicole in concorso. Questi giorni, dell’italiano Giuseppe Piccioni: film che racconta il viaggio a Belgrado di quattro ragazze unite da una forte amicizia.
Quindi, Ang babaeng humayo (The woman who left) di Lav Diaz: ambientata nelle Filippine nel 1997, la pellicola racconta la vita di Horacia Somorostro, donna “imprigionata” dalla sua stessa esistenza.

Tra i film fuori concorso troviamo Gantz:O di Yasushi Kawamura, (ennesimo) adattamento del manga Gantz, scritto e disegnato da Hiroya Oku.
Our war, di Bruno Chiaravallotti, Claudio Jampaglia e Benedetta Argentieri, narra le vicende di tre ragazzi di 20 anni: un ex marine statunitense, un attivista politico italiano e una guardia del corpo svedese, tutti e tre accomunati dalla decisione di andare a combattere lo ‘stato islamico’ in Siria tra le milizie curde nel nord del Paese.

La sezione Orizzonti offre Boys in the trees, di Nicholas Verso: “storia di formazione” con protagonisti Corey e Jango, due ragazzi che si apprestano a vivere la loro ultima notte da liceali. Notte che, tuttavia, avrà degli strascichi anche nel futuro dei due giovani, quando vecchi fantasmi torneranno a bussare alla loro porta.
Sempre nella sezione Orizzonti troviamo inoltre Malaria, di Parviz Shahbazi. Una ragazza viene rapita e chiede al padre di pagare il riscatto per la sua liberazione. L’uomo, quindi, insieme ai fratelli di lei, decide di partire per Teheran per cercarla. E a quel punto la storia assumerà dei risvolti inaspettati.

Infine, la Giornata degli autori, con Are we not cats, di Xander Robin: storia di un uomo che, dopo aver perso lavoro, casa e fidanzata in un solo giorno, decide di ricominciare la sua vita da capo. Decisione che sarà notevolmente influenzata dall’incontro con una ragazza molto particolare.

CONDIVIDI
Laura Berlinghieri
Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia.