10 Settembre 1999, esce Fight Club

55
0

“Le cose che possiedi, alla fine possiedono te”.

Uno dei film capitali di quell’intenso ultimo anno del 1900, insieme a American Beauty e Matrix: ma a differenza di quelli, patinati e rilucenti, Fight Club di David Fincher è nichilista, sudicio, violento e profondissimo, fino alle viscere. Un conato di vomito sulla cultura del consumismo imperante e che ormai sta per volgere alla fine, tanto che (ci permettiamo uno spoiler) l’ultima scena è una incredibilmente profetica scena di un collasso di grattacieli in stile 11 Settembre 2001 (praticamente 2 anni esatti dopo).

Basato sul libro di Chuck Palahniuk, autore pressoché ignorato e da lì in poi divenuto di culto, e più volte riportato sullo schermo (ma mai così bene), Fight Club divenne un fenomeno di massa, tanto che si formarono dei veri e propri club clandestini dove la gente si trovava per prendersi a botte e poi bersi una birra (non necessariamente in quest’ordine); è anche il film che lancia definitivamente l’IKEA come brand-filosofia; Edward Norton come uno dei migliori attori della sua generazione; e un Brad Pitt che finalmente esce definitivamente dal suo guscio di superfigo (con l’eccezione de  L’Esercito delle 12 Scimmie di qualche anno prima), anche se il risultato fu ancora di accedere ad un livello superiore di coolness.

Riprese del film in 200 location diverse per 138 giorni, piene zeppe di riferimenti pop e commerciali, e con una chicca: Fincher, nella onirica scena nella caverna col pinguino, fa vedere Tyler Durden che emette un respiro, respiro che è riciclato elettronicamente da Leonardo di Caprio in Titanic. Si è sempre rifiutato di spiegare perché.

Altre ricorrenze

  • 1958, nasce Chris Columbus, regista di Mamma Ho Perso L’Aereo e Mrs. Doubtfire
  • 1960, nasce Colin Firth, attore de Il Discorso del Re (Oscar miglior attore 2010) e A Single Man
  • 1968, nasce Guy Ritchie, regista di Sherlock Holmes e Snatch
  • 1974, nasce Ryan Philippe, attore di Flags of Our Fathers e Cruel Intentions
  • 1976, muore Dalton Trumbo, scrittore (vincitore di 2 Premi Oscar) di Vacanze Romane e Spartacus. Messo all’indice durante le persecuzioni mccarthiste degli anni 50.
  • 1991, muore Yves Montand, cantante e attore di Vite Vendute e Jean De Florette
  • 1994 esce Le Ali della Libertà di Frank Darabont, con Tim Robbins e Morgan Freedom, scritto da Stephen King
  • 2004, esce Crash – Contatto Fisico di Paul Haggis, Oscar per il Miglior Film 2005
  • 2011, muore Cliff Robertson, attore di Spiderman e Charly (Oscar 1968)
  • 2015, muore Franco Interlenghi, attore de I Vitelloni e Sciuscià
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.