Depeche Mode: a novembre arriva la “Video Singles Collection”

101
0

L’annuncio dei Depeche Mode era attesissimo dai fan. Molti speravano in notizie relative a un nuovo album, o magari a un tour. Niente di tutto questo, invece: l’11 novembre pubblicheranno Video Singles Collection, un’antologia in 3 DVD contenente più di quattro ore di video della band (e oltre due ore di commenti).

imageIl cofanetto, prodotto dalla Sony, abbraccia tutta la carriera del gruppo, con oltre tre decenni di hit e di video diretti tra gli altri da Julien Temple, Anton Corbijn, D.A. Pennebaker e John Hillcoat.

“I video hanno sempre avuto un ruolo essenziale nel presentare la musica dei Depeche Mode al mondo intero”, concordano i componenti della band. “È stato bellissimo tornare indietro nel tempo e rivivere le emozioni e i ricordi suscitati da questi video a così tanti anni di distanza. È incredibile averli finalmente messi tutti insieme, e speriamo che i fan apprezzino questo viaggio nel tempo così come l’abbiamo apprezzato noi”.

Nel cofanetto ci sono anche 4 rare versioni alternative e commenti su specifici videoclip, registrati dalla band proprio per questa pubblicazione.

Ma ecco cosa c’è in Video Singles Collection:

  • Just Can´t Get Enough (diretto da Clive Richardson)
  • See You (diretto da Julien Temple)
  • The Meaning of Love (diretto da Julien Temple)
  • Leave in Silence (diretto da Julien Temple)
  • Get the Balance Right (diretto da Kevin Hewitt)
  • Everything Counts (diretto da Clive Richardson)
  • Love, In Itself (diretto da Clive Richardson)
  • People Are People (diretto da Clive Richardson)
  • Master and Servant (diretto da Clive Richardson)
  • Blasphemous Rumours (diretto da Clive Richardson)
  • Somebody (diretto da Clive Richardson)
  • Shake the Disease (diretto da Peter Care)
  • It´s Called a Heart (diretto da Peter Care)
  • Stripped (diretto da Peter Care)
  • But Not Tonight (diretto da Tamra Davis)
  • A Question of Lust (diretto da Clive Richardson)
  • A Question of Time (diretto da Phil Harding)
  • Strangelove (diretto da Anton Corbijn)
  • Never Let Me Down Again (diretto da Anton Corbijn)
  • Behind the Wheel (diretto da Anton Corbijn)
  • Little 15 (diretto da Martyn Atkins)
  • Strangelove ´88 (diretto da Martyn Atkins)
  • Everything Counts (Live – da “101”) (diretto da D.A.Pennebaker)
  • Personal Jesus (diretto da Anton Corbijn)
  • Enjoy the Silence (diretto da Anton Corbijn)
  • Policy of Truth (diretto da Anton Corbijn)
  • World in My Eyes (diretto da Anton Corbijn)
  • I Feel You (diretto da Anton Corbijn)
  • Walking in My Shoes (diretto da Anton Corbijn)
  • Condemnation (Paris Mix) (diretto da Anton Corbijn)
  • One Caress (diretto da Kevin Kerslake)
  • In Your Room (diretto da Anton Corbijn)
  • Barrel of a Gun (diretto da Anton Corbijn)
  • It’s No Good (diretto da Anton Corbijn)
  • Home (diretto da Steven Green)
  • Useless (diretto da Anton Corbijn)
  • Only When I Lose Myself (diretto da Brian Griffin)
  • Dream On (diretto da Stephane Sednaoui)
  • I Feel Loved (diretto da John Hillcoat)
  • Freelove (diretto da John Hillcoat)
  • Goodnight Lovers (diretto da John Hillcoat)
  • Enjoy the Silence ‘04 (diretto da Uwe Flade)
  • Precious (diretto da Uwe Flade)
  • A Pain That I´m Used To (diretto da Uwe Flade)
  • Suffer Well (diretto da Anton Corbijn)
  • John the Revelator (diretto da Blue Leach)
  • Martyr (diretto da Robert Chandler)
  • Wrong (diretto da Patrick Daughters)
  • Peace (diretto da Jonas & François)
  • Hole to Feed (diretto da Eric Wareheim)
  • Fragile Tension (diretto da Rob Chandler e Barney Steel)
  • Personal Jesus 2011 (diretto da Patrick Daughters)
  • Heaven (diretto da Timothy Saccenti)
  • Soothe My Soul (diretto da Warren Fu)
  • Should Be Higher (diretto da Anton Corbijn)Bonus – versioni alternative dei video
  • People Are People (12″ Version) (diretto da Clive Richardson)
  • But Not Tonight (Pool Version) (diretto da Tamra Davis)
  • Soothe My Soul (Extended) (diretto da Warren Fu)
  • Stripped (Unreleased Alternate Cut) (diretto da Peter Care)
CONDIVIDI
Alessio Bardelli
Nasce a Roma nel 1989 pochi mesi prima che cada il muro di Berlino. Studente di Storia, non religioso, beatlesiano convinto. Fino al 2015 ha gestito la webzine Robadarocker.com. Poeta a tempo indeterminato, rockettaro nel cuore, ama scrivere di musica.