Targhe Tenco. Una somma di piccole cose è il miglior album dell’anno

589
0
Foto: Andrea Giovannetti

E’ Una somma di piccole cose di Niccolò Fabi (qui la recensione) l’album più bello del 2016 secondo la giuria composta da 230 giornalisti, chiamati a esprimersi, come ogni anno, per l’attribuzione delle Targhe Tenco.
Per quanto riguarda la Targa per l’album in dialetto, il riconoscimento è andato ex aequo a Claudia Crabuzza con il disco in catalano di Alghero Com un soldat e a James Senese & Napoli Centrale con l’album in napoletano ‘O sanghe.
E’ Motta, con La fine dei vent’anni, il vincitore nella sezione miglior opera prima, mentre Peppe Voltarelli, con Voltarelli canta Profazio, si è aggiudicato la targa come miglior interprete di canzoni non proprie.
Infine, la storica voce del Banco del Mutuo Soccorso, il compianto Francesco Di Giacomo, e il pianista Paolo Sentinelli hanno vinto la Targa per la miglior canzone, grazie a Bomba intelligente.

Le targhe saranno consegnate al Teatro Ariston di Sanremo il 20, 21 e 22 ottobre, e le premiazioni saranno accompagnate dalle esibizioni dei vincitori.
Il 20 ottobre sarà la volta di James Senese & Napoli Centrale, Motta e Peppe Voltarelli con Otello Prefazio
Il 21, invece, a salire sul palco saranno Niccolò Fabi e Claudia Crabuzza.

Clicca qui per leggere i nomi degli altri finalisti.

CONDIVIDI
Laura Berlinghieri
Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia.