Vasco Rossi: «Dobbiamo per forza credere in un mondo migliore»

859
0

Un mondo migliore, il nuovo singolo di Vasco Rossi, ha raggiunto in soli venti giorni oltre 2 milioni di visualizzazioni su youtube e da due settimane è in testa alla classifica Earone dei brani più trasmessi in radio.

«È una canzone di speranza – spiega Vasco su Facebook ai suoi (quasi) quattro milioni di seguaci – noi dobbiamo per forza credere in un mondo migliore, non possiamo rassegnarci, noi vogliamo crederci e vogliamo anche costruircelo..il mondo migliore. Lo spunto per il testo mi è venuto con la malinconia che mi è scesa addosso una sera, prima di partire per Los Angeles. Non ne avevo più voglia improvvisamente. Come al solito il dualismo che non mi dà pace: da una parte la voglia di muovermi, l’ignoto m’incuriosisce e mi sfida. All’opposto quel dannato bisogno delle.. abitudini di tutta una stagione. E dire che ero contento di partire, è un posto dove potrei anche trasferirmi pensavo. Ma “quella” noia, dalla quale devo fuggire, ce l’ho dentro e non c’è niente da fare. In volo, poi, la canzone ha preso altre strade. Dalla difficoltà di adattamento, non è facile lasciarsi tutto alle spalle e cominciare daccapo in un altro posto, un’altra situazione. Al cambiamento che è necessario per la ricostruzione. E, last but not least, quel che più conta: la scelta di essere libero. A costo di qualche rimpianto».

Un mondo migliore anticipa la raccolta antologica, Vasco Non Stop, che uscirà il prossimo 11 novembere per Universal Music. Il cofanetto conterrà tre brani inediti (Come nelle favole, L’amore ai tempi del cellulare e Più in alto che c’è) e i suoi più grandi classici, da Jenny è pazza – il primo singolo uscito nel lontano 1978 – a Sono innocente ma… .

CONDIVIDI
Emanuele Camilli
Nasce a Viterbo nel marzo di un anno dispari. Il primo album che acquista è... Sqérez? dei Lunapop. Il suo sogno? Vedere i fratelli Gallagher ancora una volta insieme su un palco.