Eagles of Death Metal: in arrivo un docufilm sulla strage del Bataclan

110
0

Ieri vi abbiamo annunciato come il Bataclan riaprirà i battenti in occasione del concerto di Sting del prossimo 12 Novembre. È passato quasi un anno da quel tragico 13 novembre, giorno degli attacchi terroristici che colpirono vari luoghi di Parigi, incluso il Bataclan, dove si teneva il concerto degli Eagles Of Death Metal.

Sempre a proposito degli attentati, veniamo ora a sapere che la band di Josh Homme e Jesse Hughes sarà protagonista di un film documentario sui fatti di quella tragica notte, film che sarà lanciato dalla HBO il prossimo febbraio.
L’annuncio arriva dal regista Colin Hanks, figlio di Tom Hanks, che ha spiegato come la pellicola cerchi di rispondere alla domanda “Come si fa ad andare avanti a vivere dopo una cosa del genere?”. La domanda è stata rivolta a tutta la band, oltre ai fan presenti quella sera.
L’intento non è stato quello di fare un film politico o di parlare del terrore e del terrorismo, quanto parlare della forza necessaria per superarlo. Per questo non ha coinvolto solamente il gruppo ma anche i fan. Queste le parole del regista: «Abbiamo pensato tutti e tre che un film sarebbe stato ideale per lanciare un messaggio di speranza e raggiungere più velocemente la mente e il cuore delle persone, facendo capire quanta forza ci voglia per superare certi momenti».
Il documentario si intitolerà Eagles of Death Metal: Nos Amis (Our Friends), è stato prodotto da Live Nation e sarà suddiviso in tre parti: nella prima viene presentato il gruppo; nella seconda il racconto dell’attacco terroristico, con l’utilizzo di alcuni spezzoni audio di quei momenti, ma senza nessuna immagine; nell’ultima si assiste al ritorno della band a Parigi, meno di un mese dopo i fatti del Bataclan, dove tenne un concerto insieme agli U2.
La colonna sonora sarà opera di Alain Johannes, musicista da tempo collaboratore dei Queens of the Stone Age.

CONDIVIDI

Nasce a Roma nel 1989 pochi mesi prima che cada il muro di Berlino. Studente di Storia, non religioso, beatlesiano convinto. Fino al 2015 ha gestito la webzine Robadarocker.com. Poeta a tempo indeterminato, rockettaro nel cuore, ama scrivere di musica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here