Secondary ticketing e Live Nation. Giorgia prende le distanze

724
0

Continuano le prese di posizione di artisti e “addetti ai lavori” dopo il servizio mandato in onda da Le Iene martedì scorso sul secondary ticketing. Il primo a venire allo scoperto, lo ricordiamo, è stato Vasco Rossi, che ha subito fatto sapere la sua intenzione di sospendere i propri rapporti con Live Nation. Alle parole del rocker di Zocca sono seguiti i comunicati ufficiali di Tiziano Ferro e Marco Mengoni.
Quarta della lista, Giorgia, il cui staff pochi minuti fa ha pubblicato su Facebook la seguente dichiarazione:

“Confermiamo in toto l’estraneità di Giorgia e di chi la rappresenta alla partecipazione di questa truffa dichiarata dal presidente di Live Nation Italia, operata da Live Nation riguardante il ‘secondary ticketing’: mai da qualcuno del suo staff, management o altro vicino a lei o dall’artista stessa è stata fatta richiesta per operare in questa maniera disonesta; e stiamo verificando che anche per il passato non siano state commesse irregolarità per quanto riguarda Giorgia”

Clicca qui per conoscere meglio il fenomeno del secondary ticketing.
Clicca qui per leggere la risposta di Live Nation al servizio de Le Iene.
Clicca qui per leggere la lettera aperta di Claudio Trotta ad Assomusica.
Clicca qui e qui per guardare le nostre video interviste a Claudio Trotta.

CONDIVIDI
Laura Berlinghieri
Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia.