Caos prevendite per Firenze Rocks

5355
0

Al mio segnale, scatenate l’inferno.
Devono aver pensato questo i responsabili di Firenze Rocks, nuovo festival targato Live Nation, quando, alle 12 in punto di oggi, hanno dovuto fronteggiare una richiesta di biglietti evidentemente molto più alta delle loro aspettative, per i concerti di Aerosmith (il 23 giugno) e System of a Down (il 25 giugno).

Ma, facciamo un passo indietro. Questo, l’annuncio pubblicato alcuni giorni fa sul sito e sulle pagine social del Festival: «I biglietti per i due concerti saranno disponibili tramite prevendita Firenze Rocks dalle ore 12:00 di giovedì 17 novembre: iscriviti gratuitamente sul sito www.firenzerocks.it entro le ore 18:00 di mercoledì 16 e riceverai direttamente tramite email l’accesso alla prevendita prima di tutti!
Vendita generale a partire dalle ore 12:00 di venerdì 18 novembre su firenzerocks.it e Ticketone».

Già, peccato che la mail in questione sia arrivata a una percentuale di iscritti piuttosto bassa. E peccato che il server del sito di Firenze Rocks, vista l’ingente quantità di contatti, sia crollato.
Come fronteggiare tutto questo? Tramite la pubblicazione su Facebook di un link per accedere alla prevendita. Link, ovviamente, accessibile a chiunque, iscritti al sito o meno.
Settore “pit”, naturalmente, esaurito in una manciata di minuti dai (pochi) fortunati che avevano ricevuto la mail. E conseguente ira funesta dei fan su Facebook.
Le vendite (prevendite? Postvendite?), comunque, riapriranno domani alle 12.
Ma, se proprio avete fretta, i biglietti potete trovarli – ma guarda un po’ – nel mercato secondario: su Viagogo, ad esempio, quelli per gli Aerosmith partono da minimo di 105.22€ fino ad un massimo di 427.50€, mentre quelli per i System of a down vanno dai 100.97€ ai 149.25€. Seatwave invece è più “economica”: per gli Aerosmith si va dai 140€ ai 250€, mentre i SOAD prevedono un prezzo unico: 110€. Ah, ovviamente in entrambi i siti potete acquistare il biglietto per il pit, ça va sans dire (pleonastico dire che a nostro avviso chi dovesse farlo davvero sarebbe quantomeno colluso).

CONDIVIDI
Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia.