18 novembre 2002, muore James Coburn

102
0
American actor James Coburn (1928 - 2002) smoking a cigarette. (Photo by Harry Benson/Getty Images)

Figura iconica della grande Hollywood anni 50-60-70, occhi di ghiaccio, alto e magro, passa alla storia col “gemello” Charles Bronson non tanto per i monologhi pronunciati, ma per quelli non pronunciati. Finisce sempre per interpretare il duro di poche parole, spesso il cattivo del film, con una voce bassa e profonda che usa però ottimamente.

Di genitori irlandesi/scozzesi, il nostro James inizia ovviamente con il genere di film a lui più congeniale, il western, e nel 1960 finisce nell’all-star game della categoria, ovvero i Magnifici sette (dove pronuncia 11 linee di parte!) con Steve Mc Queen, Yul Brynner, Charles Bronson, Robert Vaughn, ecc. Sempre con McQueen e Bronson, poi apparirà nel film più iconico di guerra di Hollywood, ovvero La grande fuga, altro genere in cui appare spesso, quasi sempre però nella parte del tedesco (e quindi, per definizione, cattivo)

Appassionato di auto come altri attori della sua generazione, Coburn era invece un tipo piuttosto tranquillo, si dedicherà dagli anni 70 in poi alle arti marziali (fu amico di Bruce Lee, ne portò il feretro al funerale) e alla musica (suonava, pensate, un po’, il flauto traverso, e col flauto fu trovato privo di vita dopo l’ infarto).

Ci piace ricordarlo il dinamitardo Mallory, irlandese come lui, in Giù la testa di Sergio Leone: “quando c’è una rivoluzione, c’è confusione, e quando c’è confusione, un uomo che sa cosa vuole ha buone possibilità di ottenerlo

 

Altre ricorrenze

  • 1968, nasce Owen Wilson, attore comico USA
  • 1994 muore Cab Calloway, musicista nero, famosa la sua apparizione in Blues Brothers.
  • 2003, muore Michael Kamen, compositore di colonne sonore da Arma Letale a Trappola di Cristallo
CONDIVIDI
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.