Animali notturni o fantastici? Che dilemma al cinema nel fine settimana…

127
0

Si preannuncia uno strano scontro fra animali – notturni e fantastici – nelle sale cinematografiche italiane in questo weekend. Due film dai titoli simili, ma destinati ad un pubblico molto diverso. Quasi due filosofie di cinema. Il menù, in ogni caso, non si esaurisce con queste due proposte, ma presenta portate in grado di soddisfare diversi gusti.

Animali notturni di Tom Ford ha vinto il Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria all’ultimo Festival di Venezia. Lo stilista texano, per il suo secondo film da regista, ha deciso di ispirarsi al romanzo Tony & Susan di Austin Wright e di raccontare la storia di una gallerista ossessionata dal violento thriller scritto dall’ex marito, che interpreta come una velata minaccia alla sua sicurezza. Gli attori principali sono Amy Adams e Jake Gyllenhaal.

David Yates firma uno dei film più attesi della stagione, Animali fantastici e dove trovarli, prequel della saga di Harry Potter. Anche in questo caso alla base c’è ovviamente un romanzo di J. K. Rowling. La storia è ambientata a New York nel 1926 ed è incentrata su una valigetta che ospita migliaia di creature pericolose ed i rispettivi habitat. L’apertura di questa valigetta minerà il rapporto tra il mondo magico e quello non magico. Nel ricco cast figurano Eddie Redmayne, Jon Voight e Colin Farrell.

La verità negata (Denial) di Mick Jackson tratta in un’ottica decisamente originale il tema dell’Olocausto. Siamo negli anni novanta e due storici si danno battaglia in un’aula di tribunale. Lei (Rachel Weisz) accusa lui (Timothy Spall) di negazionismo: viene citata in giudizio per diffamazione ed in tribunale si trova a dover dimostrare la verità storica dell’Olocausto.

Se già avete nostalgia di Barack Obama, il film che fa per voi è Ti amo presidente di Richard Tanne. La storia raccontata è però lontana nel tempo e nello spazio dalla Casa Bianca. Michelle e Barack sono infatti semplicemente due colleghi che, nel 1989 a Chicago, decidono di incontrarsi al di fuori dell’ufficio legale per il quale lavorano. Un primo appuntamento che, fra cinema, gelati e primo bacio, entrerà in qualche modo nella storia americana.

E’ un film drammatico Per mio figlio di Frédéric Mermoud, interamente incentrato sulla storia di una donna che cerca l’auto che ha investito ed ucciso il figlio. La troverà e scoprirà che al volante c’era una donna, affascinante e misteriosa, che si troverà a fronteggiare nel tentativo di portare a termine la sua vendetta.

Tra le altre nuove uscite segnaliamo il film d’animazione Bianca & Grey e la pozione magica di Andrey Galat e Maxim Volkov, Quel bravo ragazzo di Enrico Lando e La sindrome di Antonio di Claudio Rossi Massimi.

CONDIVIDI
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.