“Mötley Crüe: The End” nei cinema italiani il 23 novembre

203
0

Registrato lo scorso 31 dicembre allo Staples Center di Los Angeles, la città di origine dei Mötley Crüe e a pochi metri dal Sunset Strip, la strada che più di ogni altra ha lanciato la carriera di questa famigerata band, questo evento mondiale rappresenta il canto del cigno del quartetto hard rock ed è stato già acclamato in Europa, Stati Uniti, Sudamerica, Australia e Giappone.

Mötley Crüe: The End è uno spettacolo incredibile in un arena sold-out, con tutte le loro hit, da  Kickstart My Heart a Girls, Girls, Girls, Home Sweet HomeDr. Feelgood, tra le tante di una carriera più che trentennale.

9ac6019f-b757-48c4-94c3-a217b6213a97

Il Final Tour ha portato in giro per il mondo per due anni di fila Vince Neil (vocal), Mick Mars (guitar), Nikki Sixx (bass) e Tommy Lee (drums), 164 concerti in 72 mercati rappresentativi con un incasso di oltre 100 milioni di dollari.

Sempre impeccabili per le produzioni dei loro show, i Mötley Crüe non hanno deluso neanche questa volta: enormi acrobazie pirotecniche, sputi di fuoco alti più di trenta metri, performance da piattaforme volanti e montagne russe hanno mandato il pubblico in estasi.
Mötley Crüe: The End rappresenta un momento importante per i fan della band, una notte indimenticabile conclusa da una performance altamente emotiva, il bis di Home Sweet Home, dal secondo palco montato al centro in mezzo al pubblico.

Adesso per la prima volta e grazie a MusicScreen, Live Alliance, Eagle Rock Entertainment e Tenth Street Entertainment è possibile rivivere sul grande schermo e nella migliore qualità audio/video l’essenza di quella notte di grande musica hard rock, con contenuti ‘extra‘ in esclusiva solo per il cinema.

Mötley Crüe: The End è stato diretto da Christian Lamb per la parte relativa al concerto, mentre Jeff Tremaine, creatore della serie Jackass, si è occupato del documentario.

CONDIVIDI
Nasce a Roma nel 1989 pochi mesi prima che cada il muro di Berlino. Studente di Storia, non religioso, beatlesiano convinto. Fino al 2015 ha gestito la webzine Robadarocker.com. Poeta a tempo indeterminato, rockettaro nel cuore, ama scrivere di musica.