Myles Sanko
Just Being Me (Légère/Willwork4funk)
Voto: 8/9

Just Being Me è una partenza da quello che ho fatto prima e l’inizio di un nuovo viaggio. Parla di me stesso come essere umano, e di condivisione”, dice Myles Sanko. “Che cosa può fare un compositore, un musicista? Ha un mezzo che può condividere con gli altri, la musica registrata o dal palco, e come artista deve farsi carico di questo raro dono, che è la chiave per la comunicazione tra le persone. Per questo, quando scrivo, suono o canto, non voglio essere etichettato, a me viene naturale farlo così.”
sanko-copaE quel semplice “così” è veramente da ascoltare, perché il cantante, compositore, produttore, designer, musicista e direttore della fotografia nato in Ghana è una delle menti più sensibili e più comunicative del soul contemporaneo. Intenso, vitale, propositivo, ricco di contenuti e di idee che scivolano nelle orecchie e nel cuore come un flusso di ricordi senza argini, come un’emotiva invasione nella nostra sintassi psichica. Con estrema compostezza e raffinatezza, degna di confronti importanti, di certo Marvin Gaye ad esempio.
Sanko, che debuttò nel 2013 con il minialbum Born In White & Black venduto solo via web, ma tanto apprezzato da permettergli di realizzare il successivo Forever Dreaming grazie al solo crowfunding sul finire dell’anno seguente. Poi è venuto l’invito del crooner americano Gregory Porter di averlo come spalla nel suo tour europeo, il contratto con la tedesca Légère e questo gioiellino che parla di “amore, speranza, politica, e ha un pezzo di me in ogni sua parte”.
Dall’iniziale prologo strumentale di “Freedom”, un po’ alla Donny Hathaway, Just Being Me si snoda con un feeling immediato e diretto per altre dieci composizioni, che passano da un soul delicatamente groovy a ballate soulful spruzzate di jazz, da momenti più eterei e spirituali a buone vibrazioni dalla salda anima errebì, dal messaggio di speranza di “Land Of Paradise” all’emotivo finale di “Empty Road”.

© Huw Garratt
© Huw Garratt

Sempre con grande classe, Sanko e i suoi – Rick Hudson (batteria), Jon Mapp (basso), Tom O’Grady (tastiere), Phil Stevenson (chitarra), Ric Elsworth (percussioni), Gareth Lumbers (sax & flauto) e Tom White (trombone) – sviluppano un album che si ispira ai “suoni classici che negli anni Sessanta e Settanta uscivano da Detroit, Memphis o Philadelphia”. E che però è modernissimo e possiede un approccio british un po’ alla Robert Palmer (il compianto ex vocalist dei Vinegar Joe), perché il leader è “cresciuto in mezzo alla campagna inglese, non in un ghetto o tra i disordini sociali delle strade”. E aspira a “essere un iconico e influente grande artista, in grado di marcare un segno distintivo nella musica di oggi. Oh sì, e a comprare una barca a vela di 58 piedi con cui navigare in giro per il mondo…”

CONDIVIDI
Raffaello Carabini
Che dire? Basta citare la cura di oltre 250 cd compilation di new age, jazz, world e quant’altro? Bastano una ventina d’anni di direzione artistica dell’Etnofestival di San Marino? Bastano i dieci come direttore responsabile di Jazz Magazine, Acid Jazz, New Age Music & New Sounds, Etnica & World Music? Oppure, e magari meglio, è sufficiente informare che sono simpatico, tollerante, intelligente... Con quella punta di modestia, che non guasta mai.