11 dicembre 1987, esce Wall Street

68
0

La summa dello yuppismo anni 80, il film di Oliver Stone sulla carta sembrava interessante come l’acqua gassata: chi diavolo si entusiasmerebbe per le operazioni di borsa? Invece, Wall Street diventa uno dei cult degli anni ’80, di sicuro uno di quelli che meglio incarna lo spirito del reaganismo di quei tempi. L’interpretazione che Michael Douglas di Gordon Gekko (premio Oscar) è da antologia; “L’avidità non trovo una parola migliore, è valida l’avidità è giusta, l’avidità funziona, l’avidità chiarifica, penetra e cattura l’essenza dello spirito evolutivo.” Ricorda qualche politico nostrano, magari non più tanto in auge?

Oliver Stone, liberal convinto, ci dà dunque questa spiegazione lampante di come il popolo statunitense si sia profondamente trasformato in quegli anni. Profeticamente, il film fu girato qualche mese prima del crollo della Borsa del 1987. Quando si dice il tempismo.

A guardarlo ora, in alcuni momenti fa quasi tenerezza… basti guardare ai grafici che appaiono sul PC di Bud Fox (Charlie Sheen, che qui recita col padre Michael, nella sua epoca d’oro), o al primo cellulare ad apparire in un film (una specie di armadio della Motorola che Gekko si tiene attaccato all’orecchio), ma Wall Street, niente a che vedere con l’insipido sequel del 2010, passa alla grande il test del tempo.

Altre ricorrenze

  • 1930, nasce Jean Louis Trintignant, attore francese da noi passato alla storia per Il Sorpasso
  • 1967, esce Indovina Chi Viene a Cena, film che affronta le tematiche della relazioni interraziali per la prima volta.
  • 1973, nasce Anita Caprioli, attrice italiana di Non Pensarci e Si può Fare
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.