14 dicembre 1984, esce Dune

25
0

Dune di David Lynch è un po’ l’Avatar degli anni ’80, ma al contrario di James Cameron, forse il produttore Dino De Laurentiis fu troppo ottimista e decise di precorrere i tempi, nonostante che il romanzo di Frank Herbert (1965) visivamente e non solo, necessitava di effetti speciali forse ancora troppo acerbi per il periodo.

Dune arriva dopo la trilogia di Star Wars, ed evidentemente l’intento della produzione era di creare una  nuova franchise fantascientifica. Trama messianica, mondi desertici ed imperi intergalattici (esattamente come Star Wars)  sembravano tutti essere ingredienti vincenti, ma furono talmente tanti i contrattempi nel girarlo che alla fine non venne proprio fuori un capolavoro, anzi.

Ridley Scott avrebbe dovuto dirigerlo, ma poi preferì (e il mondo del cinema ringrazia) Blade Runner; così come inizialmente furono scelti Rob Lowe e David Bowie per le parti principali, invece sostituiti da Kyle McLachlan (quello di Twin Peaks della serie TV) e Sting (evidentemente si voleva mettere una rockstar nel ruolo del cattivo). Direi che i presagi non positivissimi ci fossero tutti.

Considerato uno dei più grandi flop della storia della fantascienza, il film ad oggi fa un po’ sorridere, a cominciare dagli effetti speciali (James Cameron docet, vedi sopra) e dal look un po’ kitsch, che ne fanno una versione un po’ seriosa di Flash Gordon (e senza neanche le musiche dei Queen) con una chicca su tutte: Sting con un paio di mutandoni metallici a forma di aquila, non proprio da Englishman in New York.

Altre ricorrenze

  • 1946, nasce Jane Birkin attrice di Assassinio sul Nilo e Blow Up
  • 1971, nasce Natascha Mc Elhone, attrice in e Surviving Picasso
  • 1993, muore Mirna Loy, attrice USA a cavallo della Seconda Guerra Mondiale
  • 2013, muore Peter O’Toole, grande attore irlandese, 8 nomination all’Oscar, un Oscar alla Carriera. È Lawrence d’Arabia nel 1962.
CONDIVIDI
Jacopo Licciardi
Nato a Reggello (FI) nel 1973, laurea in giurisprudenza saggiamente messa in bacheca e praticamente mai utilizzata, si trasferisce a Milano nel Settembre 2001, dopo trascorsi in UK e USA, qualche giorno prima del crollo delle Torri Gemelle (dunque, con alibi). Professionista in ambito Risorse Umane, Coach e Formatore, adora i libri, i fumetti (supereroistici in primis), la storia, i viaggi, i gatti e naturalmente il cinema, soprattutto pop e a stelle e strisce. Nerd a tutti gli effetti.