LOVE, l’arte contemporanea incontra l’Amore

120
0

 “L’Amore va declinato al plurale, gli amori sono numeri periodici che si rincorrono all’Infinito”.

Danilo Eccher

Passeggiando per le vie della capitale riscaldati solo da un accenno di sole invernale, accompagnati dall’odore delle caldarroste e dal profumo del Natale che è alle porte e perdendosi piacevolmente nei vicoletti del centro di Roma, appena dietro Piazza Navona, si arriva al Chiostro del Bramante che  -dallo scorso 29 settembre e fino al prossimo 19 febbraio- ospita la mostra curata da Danilo Eccher “LOVE, l’arte contemporanea incontra l’Amore”.

15435799_10210021501787786_1956380048_n

15571095_10210021366904414_807896902_n

Non una risposta ai tormenti del cuore; non un tentativo di definizione del sentimento che da sempre ispira poeti, scrittori, cantautori e “che move il sole e l’altre stelle”; non un sentiero univoco, ma piuttosto un percorso intenso e disparato tra i racconti di amori diversi. Poesia, trasgressione, passione, forza, fantasia, sensualità e dolcezza incontrano, in questa esperienza inconsueta ed interessante, l’arte che è da sempre –anche nei suoi momenti più difficili- una vera dichiarazione d’Amore.

Vanessa Beecroft, Francesco Clemente, Nathalie Djuberg e Hans Berg, Tracey Ermin, Gilbert & George, Robert Indiana, Ragnar Kjartannsson,Yayoi Kusama, Mark Manders, Ursula Mayer, Tracey Moffatt, Mrc Quinn, Joana Vascncelos, Francesco Vezzoli, Andy Warhol e Tom Wesselmaann prestano le loro opere all’esposizione; ma il vero protagonista è il pubblico che diventa fruitore, produttore e divulgatore dell’arte stessa, attraverso una percezione a 360° di tutte le opere.

15554897_10210021366784411_52897713_n

15570925_10210021366944415_1416554773_n

Si tratta di una mostra interattiva e partecipata, non solo ogni lavoro può essere fotografato e guardato da tutte le sue angolazioni, ma all’ingresso della mostra viene suggerito l’hashtag ufficiale dell’esposizione: #ChiostroLove, che permette ai visitatori di ricercare sui social chi, come loro, ha intrapreso questo percorso (l’opera “All the Eternal Love I Have for the Pumpinks” di Yayoi Kusama risulta essere tra le più instagrammate al mondo).

15555769_10210021470226997_1049895650_n

Chi intraprende il viaggio alla scoperta dell’Amore felice, atteso, incompreso, ambiguo e trasgressivo può inoltre scegliere tra diverse audioguide che sapranno raccontare la complessità di questo sentimento da differenti punti di vista: Coco Chanel parlerà dell’amore senza distaccarsi mai dall’innato stile che la contraddistingue; John Fitzgerald Kennedy racconterà l’amore guardandolo con gli occhi di chi ha vissuto e conosciuto il potere; David Bowie saprà discuterne con il suo solito animo da sognatore ed Amy Winehouse, tra una canzone e l’altra, ne definirà le sfaccettature che non sfuggono al suo essere –in fondo- una ragazza della porta accanto.

Per i più piccoli invece le guide saranno due e molto speciali: Lilli e Biagio, i protagonisti a quattro zampe di “Lili e il vagabondo” che accompagneranno gli ospiti più giovani anche in 4 differenti percorsi creati appositamente per le scuole.

E voi? Da chi vi fareste raccontare il sentimento più complesso al mondo? Per deciderlo avete tempo fino al 19 febbraio!

15554896_10210021366984416_387430359_n

CONDIVIDI
Maria Francesca Amodeo
Classe 1991, calabrese, testarda e abitudinaria. Diplomata al Classico, oggi sono una studentessa di Giurisprudenza presso l'Università di Salerno che spera, un giorno, di far diventare l'amore per la penna il suo mestiere. Amo il mare - soprattutto quello di casa mia - e vivo spesso con la valigia tra le mani perché mi piace viaggiare e scoprire posti nuovi. Le grandi passioni della mia vita però sono soprattutto tre: la politica, la scrittura e Luciano Ligabue. Ho così tanti sogni nel cassetto che non so più dove mettere i vestiti!