Nel 1992 Nile Rodgers e Bernard Edwards riunirono i componenti degli Chic (scioltisi da 9 anni) per incidere Chic-Ism, rimasto ad oggi l’ultimo album in studio della band che ha definito la disco music. Da allora Rodgers ha continuato a produrre successi per decine di artisti, tra cui Daft Punk (Get lucky), Duran Duran (Pressure off), DJ Cassidy (Kill the lights) e Christina Aguilera (Telepathy).
Nel 2015 si tornò a parlare di Chic grazie all’arrivo di I’ll be there, singolo che doveva l’uscita di un nuovo album dal titolo It’s about time, di cui però si sono perse le tracce. Questo fino a ieri sera: Rodgers ha infatti pubblicato nel suo sito ufficiale un comunicato riguardante il prossimo disco degli Chic. Eccone i punti salienti:

  • il 2016 è stato un anno tragico per l’industria musicale: prima David Bowie (con cui Rodgers collaborò per l’album Let’s Dance), poi Glenn Fry e Paul Kantner, infine Prince, inaspettato colpo di grazia
  • It’s about time è un album gioioso e non poteva essere pubblicato durante un anno segnato invece dal dolore per la perdita di persone così importanti
  • il 2017 invece segnerà il 40° anniversario della discoteca più influente della storia, Studio 54, e di Le freak, canzone simbolo degli Chic
  • quale momento migliore per pubblicare il nuovo disco?

Nel comunicato Rodgers parla anche di una sorpresa legata al nuovo album. Cosa sarà?
Lo scopriremo solo il prossimo anno: nel frattempo possiamo solo riascoltarci I’ll be there.

Love, peace and soul

 

CONDIVIDI
Nato a Venezia, credo nel futuro e in Stevie Wonder.